Scuola e politiche Europee: istruzione, Università, tutela e valorizzazione di sport e cultura

di Patrizia Del Pidio
ipsef

Con il Trattato di Lisbona i Parlamenti dei vari Paesi europei hanno iniziato una stretta collaborazione con il Parlamento europeo in materia di istruzione, Università, tutela e valorizzazione della cultura e dello sport.

Con il Trattato di Lisbona i Parlamenti dei vari Paesi europei hanno iniziato una stretta collaborazione con il Parlamento europeo in materia di istruzione, Università, tutela e valorizzazione della cultura e dello sport.

All’interno della strategia Europa 2020, che punta alla crescita inclusiva e sostenibile vanno sottolineate le tematiche che sono volte alla valorizzazione di istruzione, Università, ricerca e cultura. La Commissione europea, nelle raccomandazioni indirizzate ai vari Stati, ha sottolineato l’importanza della sussidiarietà tra istituzioni europee e statali sulle tematiche poc’anzi citate.




Uno dei punti fondamentali delle strategie in questione, è rappresentato dalle politiche rivolte alla riduzione della dispersione scolastica e all’apprendimento permanente. La dispersione scolastica, nota dolente per molti Paesi europei, deve essere ridotta entro il tasso del 10% innalzando al tempo stesso sopra il 40% le persone in possesso di un titolo di studio di istruzione terziaria.

Scuola e sport

Per quanto riguarda lo sport sicuramente questa è una competenza di recente acqiuisitizione, attivata solo nel 2010 che punta all’aumento dell’attività sportiva nelle scuole, promuovendo al tempo stesso stili di vita sani e corretti. Proprio per questo motivo la prima settimana di settembre, a partire da quest’anno, sarà dedicata allo sport e individuata dalle istituzioni europee come “settimana dello sport”. Questi obiettivi sono inquadrati in programmi pluriennali.

Programmi europei

Molti sono i progetti e i programmi che  favoriranno la circolazione degli studenti nei diversi Paesi europei come Erasmus e Erasmus Plus cui sono stati destinati 14,7 miliardi degli 80 miliardi di cui ha beneficiato il settore ricerca.

I programmi connessi, invece, ad Europa Creativa, come Horizo 2020 (programma per ricerca e innovazione) e Cosme (che riguarda piccole e medie imprese con vocazione turistica) sono fortemente supportati, nei diversi Paesi, da apposite agenzia nazionali.

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
soloformazione