Scuola e COVID: riflessioni. Lettera

Stampa

Inviato da Rosaria Parrillo – Buonasera a tutti. Vorrei richiamare l’attenzione di tutti sulle decisioni del governo relative alla scuola.

L’entrata scaglionata per universitari e studenti delle scuole superiori.

Ma qualcuno può dire alla Ministra Azzolina e a chi di competenza, che ci sono tante scuole chiuse e sono scuole dell’infanzia, scuole primarie o scuole medie? E poi l’orario scaglionato riguarda chi utilizza i mezzi pubblici. Ma tantissimi studenti si recano a scuola con i mezzi privati delle famiglie. E è successo, infatti, che studenti e docenti sono stati contagiati dal virus pur non utilizzando i mezzi pubblici. Dobbiamo aspettare altri contagi e morti per decidere una chiusura e organizzarsi con la didattica a distanza?

Sarebbe opportuno chiudere fino a gennaio le scuole italiane di ogni ordine e grado, lavorare con la didattica a distanza con l’orario scolastico già adottato da ogni scuola e arrivare tra qualche mese tutti o quasi indenni e magari con una cura o un vaccino che intanto gli studiosi saranno riusciti a sperimentare per rendere possibile la produzione di farmaci o vaccini per tutti.

Diversamente, tra qualche settimana sarà necessario prendere comunque questa decisione, con la differenza che ci sanno ormai altre migliaia di contagiati in più, ospedali con reparti COVID al completo e terapie intensive al collasso.

Stampa

Preparazione concorsi e TFA Sostegno con CFIScuola!