Scuola e amici sono gli argomenti principali del dialogo in famiglia

di
ipsef

A sostenerlo è l’Eurispes, che in collaborazione con il Telefono Azzurro, ha pubblicato il "Rapporto Italia 2011" . Solo il 5,1% dei ragazzi dichiara di non parlare mai con i genitori delle cose che lo riguardano, a fronte del 18,3% che lo fa sempre e del 34,8% che lo fa spesso.

A sostenerlo è l’Eurispes, che in collaborazione con il Telefono Azzurro, ha pubblicato il "Rapporto Italia 2011" . Solo il 5,1% dei ragazzi dichiara di non parlare mai con i genitori delle cose che lo riguardano, a fronte del 18,3% che lo fa sempre e del 34,8% che lo fa spesso.

La quota maggiore, tuttavia, è costituita da chi lo fa solo qualche volta (41,4%). Il principale argomento di conversazione di adolescenti e genitori è la scuola (ne parla sempre il 75% del campione e il 22% almeno in parte). Altro oggetto di discussione ampiamente diffuso sono gli avvenimenti che riguardano la vita del ragazzo/a (il 41%, sempre e il 44,9% almeno in parte, a fronte del 12,7% che non lo fa mai).

Gli amici sono tema di confronto per l’85,5% degli intervistati (il 45,2% abitualmente e il 40,3% di farlo in parte). Un altro campo di discussione è quello dei desideri dei ragazzi, che li esprimono nel 39,6% dei casi e, almeno in parte, nel 41,4%. Circa 3/4 del campione si confronta con i genitori per ciò che concerne i propri problemi (il 34,1% risponde sì e il 42,7% in parte)

Il principale argomento di discussione e scontro tra genitori e figli è lo studio (32,3%), mentre le altre cause di confronto maggiormente frequenti sono più legate alla sfera prettamente educativa: il 18,1% degli adolescenti discute con i genitori quando risponde male, il 12,4% per gli orari di rientro e uscita e il 10,7% perché non fa ciò che gli viene detto di fare. È più frequente che siano le femmine a rispondere male (23,1% rispetto al 12,2% dei ragazzi) e ad avere momenti di confronto sugli orari (14,8% vs 9,6%), dato probabilmente dovuto alla maggiore libertà concessa ai maschi ritenuti, forse, meno soggetti a pericoli di sorta.

Versione stampabile
anief
soloformazione