Scuola d’estate: nuovo modello educativo tra gli obiettivi del Piano. Cosa sono i Patti di comunità. FAQ Ministero

Stampa

Piano scuola d’estate 2021: il progetto del ministero dell’Istruzione per il recupero della socialità dopo mesi di didattica a distanza a causa della pandemia. Un piano da oltre 500 milioni di euro, di cui 320 da fondi Pon e i quali è possibile presentare i propri progetti entro il 21 maggio. Ma quali sono gli obiettivi e cosa sono i Patti di comunità? Il ministero aggiorna le FAQ nella sezione dedicata alla scuola estiva

Quali sono gli obiettivi del “Piano scuola estate”?
Il Piano, con la principale finalità di contrastare la povertà educativa, rende disponibili alle scuole risorse economiche e strumenti per rinforzare e potenziare le competenze disciplinari e relazionali degli studenti, creando una sorta di “ponte” per l’avvio del nuovo anno scolastico 2021/2022. In tal modo, con il Piano si intende avviare un percorso di trasformazione ed evoluzione del sistema Istruzione per:

  • Una scuola accogliente, inclusiva e basata su logiche di apprendimento personalizzato;
  • Una nuova alleanza educativa con i territori, che consolidi il senso di appartenenza alla “comunità” e preveda il coinvolgimento attivo delle rappresentanze di studenti e genitori;
  • Un modello educativo finalizzato a mitigare il rischio di dispersione scolastica e di povertà educativa.

Scuola d’estate, un’opportunità per studenti e docenti? SPECIALE su OS TV [RIVEDI LA DIRETTA]

 Cosa sono i Patti educativi di comunità?
I Patti educativi di comunità sono accordi tra gli enti locali, le istituzioni pubbliche e private operanti sul territorio, le realtà del terzo settore e le scuole, per promuovere e rafforzare la collaborazione tra la scuola e tutta la comunità. Si tratta di una modalità di coinvolgimento del territorio affinché questo si renda sostenitore, d’intesa e in collaborazione con la scuola, della fruizione del capitale sociale espresso dal territorio medesimo, ad esempio negli ambiti della musica d’insieme, dell’arte e della creatività, dello sport, dell’educazione alla cittadinanza, della vita collettiva e dell’ambiente, delle tecniche digitali e delle conoscenze computazionali.

Nell’ambito del “Piano scuola estate”, i patti di comunità possono essere impiegati dalle scuole in particolare per la realizzazione delle attività della II Fase: Rinforzo e potenziamento competenze disciplinari e della socialità, nel periodo luglio-agosto 2021.

Infine, si rammenta che per la realizzazione dei Patti educativi di comunità nell’anno scolastico 2020/2021 (ai sensi dell’articolo 32, comma 2, lettera b), del decreto-legge 14 agosto 2020, n.104), sono stati assegnati agli Uffici Scolastici Regionali 10 milioni di euro da destinare alle Istituzioni scolastiche al fine di ampliare la permanenza a scuola degli allievi, alternando attività didattica ad attività ludico-ricreativa, di approfondimento culturale, artistico, coreutico, musicale e motorio-sportivo, in attuazione di quanto disposto dall’articolo 1, comma 7, della legge 13 luglio 2015, n. 107. Per ulteriori approfondimenti in merito ai Patti educativi di comunità, è possibile consultare:

«La scuola della nostra fiducia – Materiali per il tempo Covid e oltre», Ufficio Scolastico Regionale per l’Emilia-Romagna – Stefano Versari, Tecnodid Editrice, febbraio 2021
https://www.istruzioneer.gov.it/wp-content/uploads/2020/08/PROT-2020-ago-19-ripartenza-17-Patti_di_comunit%C3%A0.pdf

Scuola aperta in estate: come attivarla, chi partecipa, quali attività. Il ruolo degli insegnanti [SPECIALE GUIDA]

Stampa

Concorso STEM. Minicorso di inglese e informatica, simulatori disciplinari consulenze Skype. Nuovi percorsi rapidi, mirati e intensivi