Morani (PD): noi aumenti di 80 euro, nuovo Governo 14 e zero assunzioni

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Scuola, assunzioni e aumento stipendio. L’On. Alessia Morani (PD) pubblica una infografica di confronto tra il Governo PD e l’attuale. 

Assunzioni e aumento stipendio: quale Governo ha assunto di più e investito di più sugli stipendi degli insegnanti?

Assunzioni: il cavallo di battaglia del PD

Per la scuola, il piano di assunzioni Renzi ha portato in cattedra con contratto a tempo indeterminato 130mila docenti.

Ma questi  – va detto – non sono tutti così contenti delle modalità con cui il piano è stato attuato. Ancora oggi si chiede un piano di rientro e l’aumento delle percentuali da destinare ai trasferimenti interprovinciali.

M5S: più assunzioni per la primaria con il tempo pieno

Le assunzioni, assicura il M5S, aumenteranno per effetto dell’introduzione del tempo pieno in molte scuole del sud. Si stima un aumento degli organici di diritto di circa 2.000 posti. Ad oggi però il nuovo Governo non ha ancora avuto occasione di mettere a punto un piano di assunzioni, dato che sta lavorando alla riforma del reclutamento.

Aumento stipendio: da 80 a 130 euro con il PD

In realtà quelle cifre sono lorde e pochi docenti e ATA sono arrivati a percepirle. Ma l’impegno c’è stato (salvo finanziare l’elemento perequativo con scadenza 31 dicembre 2018).

M5S – Lega: solo 14 euro di aumento

La trattativa non è ancora entrata nel vivo, ma le polemiche sono già in atto. I soldi stanziati per l’aumento degli stipendi sono pochi e non soddisfano certo le richieste del comparto.

Bussetti: no allarmismi

La trattativa per il nuovo contratto non è ancora stata avviata. Il Ministro Bussetti è intervenuto per stemperare le polemiche, promettendo che incontrerà i sindacati prima dell’approvazione della legge di bilancio.

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione