Scuola assassina: sicurezza diventi priorità. Parte la raccolta firme

di redazione
ipsef

Virginia Friggeri Ufficio stampa Firmiamo.it – Dopo i fatti di Ostuni e di Olbia, ennesimi incidenti dentro le mura delle scuole italiane, non è più possibile trascurare le falle nella sicurezza degli istituti. Una petizione su Firmiamo.it chiede allo Stato e agli enti competenti di non giocare con la vita di bambini e ragazzi.

Virginia Friggeri Ufficio stampa Firmiamo.it – Dopo i fatti di Ostuni e di Olbia, ennesimi incidenti dentro le mura delle scuole italiane, non è più possibile trascurare le falle nella sicurezza degli istituti. Una petizione su Firmiamo.it chiede allo Stato e agli enti competenti di non giocare con la vita di bambini e ragazzi.

Le crepe tra i muri delle nostre scuole non possono più essere trascurate: a dimostrarlo c'è il lungo elenco di tragedie, avvenute o sfiorate, che hanno ferito, e nei casi più gravi ucciso, bambini e ragazzi che la mattina erano usciti per costruirsi un futuro con lo zaino sulle spalle.

La petizione aperta su Firmiamo.it è visibile al link chiede che la fatiscenza dei nostri edifici non venga ricordata solo quando c'è un episodio di cronaca, ma che diventi una priorità nelle agende delle Stato e di tutti gli enti responsabili nel rispetto del diritto alla vita.

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
voglioinsegnare