Covid-19, in Abruzzo chiuse le scuole dal 1° marzo fino a nuovi provvedimenti ORDINANZA

Stampa

L’Abruzzo dispone la chiusura delle scuole dalle elementari fino alle superiori per l’impennata di contagi: l’indicazione è stata data dalla cabina di regia. L’ordinanza che dispone la didattica a distanza dalle elementari alle superiori è stata firmata dal presidente della Giunta Regionale Marco Marsilio.

“A decorrere dal 01 marzo 2021 e sino a diverso provvedimento, nel territorio della Regione Abruzzo le attività scolastiche e didattiche di tutte le classi delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado, statali e paritarie, si svolgono esclusivamente con modalità a distanza. Resta salva la possibilità di svolgere attività in presenza per lo svolgimento di attività laboratoriali o per mantenere una relazione educativa che realizzi l’effettiva inclusione scolastica degli alunni con disabilità e con bisogni educativi speciali”, si legge sul provvedimento.

Nel tardo pomeriggio del 26 febbraio l’assessore regionale alla istruzione Pietro Quaresimale aveva invece comunicato che si sarebbe confermata la dad al 100% soltanto per le superiori.

Alla riunione serale hanno partecipato tra gli altri i sindaci dei comuni capoluoghi di provincia, i presidenti delle provincie, i direttori generali delle asl e l’assessore regionale alla sanità Nicoletta Verì.

ORDINANZA 

Stampa

Graduatorie terza fascia ATA: incrementa il punteggio con le offerte Mnemosine, Ente accreditato Miur