Scrutini: la tecnologia rallenta, meglio scrivere i verbali a mano. Lettera

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Mario Bocola – Tempo di scrutini, momento clou dell’anno scolastico, ma con l’avvento della tecnologia sembra che si possa parlare di “gattopardismo tecnologico”.

L’avvento della multimedialità, invece, di accelerare le operazioni di scrutinio finale con tutte le operazioni ad esse connesse, le rallenta. Quando un tempo le fasi di valutazione degli alunni a fine anno scolastico si scrivevano a mano con la relativa trascrizione dei giudizi finali e dei verbali i tempi erano molto più celeri. Invece ora sono chilometrici. C’è stata la dematerializzazione con la sostituzione della carta, ma nella realtà questo processo si è dilatato a dismisura. Quando erano belli i vecchi tempi e…la cara e amata scrittura a mano!

Versione stampabile
anief anief
soloformazione