Scrutini, aumentano le bocciature. Pioggia di 5 in condotta, sono circa 10mila alle superiori I non ammessi alla maturità passano dal 4,8% al 5,7%

di redazione
ipsef

MIUR – I nuovi dati parziali sull’andamento degli scrutini nelle scuole secondarie di I e II grado confermano la tendenza registrata dai dati iniziali. I nuovi dati riguardano il 16,4% delle scuole medie, il 4,3% delle scuole superiori, il 31,6% per quanto riguarda l’ammissione agli Esami di maturità (si dispone di una percentuale di dati più alta, poiché, negli scrutini, è stata data la precedenza alle quinte classi).

MIUR – I nuovi dati parziali sull’andamento degli scrutini nelle scuole secondarie di I e II grado confermano la tendenza registrata dai dati iniziali. I nuovi dati riguardano il 16,4% delle scuole medie, il 4,3% delle scuole superiori, il 31,6% per quanto riguarda l’ammissione agli Esami di maturità (si dispone di una percentuale di dati più alta, poiché, negli scrutini, è stata data la precedenza alle quinte classi).

Esami di Maturità
Il numero degli studenti non ammessi agli Esami aumenta dal 4,8% dell’anno scorso al 5,7% (nel 2007/2008 il dato finale era stato il 4,3%, nel 2006/2007 il 3,9%).

Scuole secondarie di I grado

Nel primo e nel secondo anno i bocciati aumentano, dal 4,2% del 2008/2009 al 4,3%.
Il numero dei non ammessi agli Esami di terza media rimane invariato rispetto all’anno scorso: 3,5%.

Scuole superiori di II grado

Rispetto al 2008/2009, aumenta il numero complessivo degli studenti non ammessi alla classe successiva: 11,4%, rispetto al 10,9% dell’anno scorso.

Negli scrutini relativi ai primi quattro anni delle superiori, il numero degli studenti non ammessi aumenta nel primo anno (dal 15% al 15,3%), nel terzo (dal 9% al 9,8%) e nel quarto (dal 7,8% all’8,3%); diminuisce invece nelle seconde classi (dal 10,8% al 10,4%).

Il numero degli studenti bocciati, rispetto al 2008/2009, aumenta in particolare nel liceo classico (dal 3,5% al 4,2%), nel linguistico (dal 3,6% al 4,9%), negli ex-istituti magistrali (dal 7,3% all’8,3%), negli istituti tecnici (dal 14,1% al 14,4%).

Se le proiezioni saranno confermate, i 5 in condotta alle superiori saranno 10mila.

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief voglioinsegnare