Scrima: “statali privilegiati con contratto bloccato? I precari scuola dovrebbero essere risarciti”

WhatsApp
Telegram

Interviene il segretario della CISL scuola sulla polemica relativa al Jobs act e l'intervento di alcuni commentatori che non hanno lesinato attacchi agli impiegati pubblici.

Interviene il segretario della CISL scuola sulla polemica relativa al Jobs act e l'intervento di alcuni commentatori che non hanno lesinato attacchi agli impiegati pubblici.

Il Jobs act, afferma Scrima, non riguarda il settore pubblica, dato che le modalità di reclutamento sono distinte dal privato e si scaglia contro chi afferma che gli statali sono privilegiati.

"Nel pubblico impiego ci sono lavoratori precari da decenni, che andrebbero risarciti" afferma sul Corriere della Sera del 28 gennaio.

"Nessun datore di lavoro privato – prosegue Scrima affrontando la problematica del contratto – avrebbe trattato così male i suoi dipendenti, in attesa da sei anni di vedere rinnovato il loro contratto. Altro che statali privilegiati!". 

WhatsApp
Telegram

TFA sostegno VII ciclo, ecco il bando. Corso di preparazione: proroga prezzo scontato 120 euro al 31 maggio