Scontro alla Camera tra Lega e M5S. Sasso: “300 milioni per gli stipendi, non per i banchi a rotelle”. La risposta dei pentastellati: “Non ricorda di aver fatto parte del governo Draghi?”

WhatsApp
Telegram

Scontro alla Camera tra il M5s e la Lega. Per i pentastellati l’esponente della Lega, Rossano Sasso, è famoso per aver confuso Dante con Topolino e che le sue letture non gli permettono di ricordare che il governo Conte 2 ha investito 10 miliardi di euro per fronteggiare la pandemia, mentre il suo governo attualmente sta programmando tagli per 4 miliardi e si prepara a chiudere 700 istituti scolastici in tutto il paese, soprattutto nei territori più deboli.

Sasso parla dei governi precedenti dimenticando che ha fatto parte del governo come sottosegretario all’istruzione. Gli esponenti del Movimento 5 Stelle hanno dichiarato che Sasso continua a citare i 300 milioni di euro stanziati per gli stipendi del personale, dimenticando che erano stati stanziati dai governi precedenti. Grazie al ministro Valditara, i docenti avranno a regime ben 24 euro lordi, ovvero una pizza una volta al mese. Questa è l’idea di dignità del ruolo di docente che ha la Lega. Durante il question time di oggi, la Lega ha utilizzato la Camera dei deputati per un comizio che è andato male, andando incontro a una sonora figuraccia.

Il deputato della Lega, Rossano Sasso, invece, risponde  che la differenza fra la Lega e le opposizioni è semplice: la Lega utilizza 300 milioni di euro per aumentare lo stipendio a chi svolge il lavoro più importante del mondo, mentre Pd e Movimento 5 Stelle hanno speso il triplo in inutili banchi a rotelle e in mascherine che non sono state utilizzate e che sono finite al macero.

Sasso spera che il ministro Valditara, con cui c’è un evidente cambio di passo, continui in questa giusta direzione e non si lasci intimidire da coloro che vorrebbero portare le lancette della sinistra indietro di anni. Sasso afferma che Conte e Schlein possono giocare a fare i rivoluzionari, ma la Lega penserà ai docenti.

WhatsApp
Telegram

La Dirigenza scolastica, inizio anno scolastico: la guida operativa con tutte le novità 2024/25 con circolari e documenti pronti all’uso