Sciopero scrutini: il calendario Cobas

di redazione
ipsef

Piero Bernocchi portavoce nazionale COBAS – "Il Ddl è stato approvato alla Camera, mentre Alesse e Renzi si sono arresi all'evidenza e hanno dichiarato che il blocco degli scrutini è legittimo. Proseguirà lo sciopero dopo i due giorni? Lo decideranno i docenti in lotta, anche in base alle risposte del governo.

Piero Bernocchi portavoce nazionale COBAS – "Il Ddl è stato approvato alla Camera, mentre Alesse e Renzi si sono arresi all'evidenza e hanno dichiarato che il blocco degli scrutini è legittimo. Proseguirà lo sciopero dopo i due giorni? Lo decideranno i docenti in lotta, anche in base alle risposte del governo.

Mentre migliaia di docenti ed Ata protestavano davanti a Montecitorio, chiedendo il ritiro totale del Ddl “Cattiva scuola”, l'Aula, scioccamente indifferente, approvava la legge. Ma era un risultato largamente scontato, vista la netta maggioranza a disposizione del PD.

Però il passaggio al Senato sarà ben più periglioso. E, con tutti gli occhi puntati ai risultati elettorali, Renzi si è preso tempi “distesi”: la discussione a Palazzo Madama non inizierà prima del 5 giugno.

Nel frattempo il presidente Alesse (Autorità di garanzia sugli scioperi) ha scoperto che il blocco degli scrutini per due giorni è perfettamente legale, mentre la ministra Giannini, novella Alice nel Paese delle Meraviglie, si è “rallegrata” perché avremmo rinunciato al “blocco”. Si riferiva al fatto che il blocco non riguarderà le classi di fine corso: cosa annunciata da tempo, visto che la legge anti-sciopero questo impone.

Anche Renzi ha ammesso la legittimità dello sciopero, pur lamentando che danneggerebbe famiglie e studenti, peraltro del tutto solidali con noi

Dunque, finisce lo sciocco terrorismo anti-blocco: ed è un bene, sperando che i mass-media ne diano ampio resoconto.

Ora ci si chiede cosa accadrà dopo i due giorni di sciopero che si svolgeranno – lo ricordiamo – secondo il seguente calendario:

8 e 9 giugno per Emilia-Romagna e Molise;
il 9 e il 10 per Lazio e Lombardia;
il 10 e l'11 per Puglia, Sicilia e Trentino;
l'11 e il 12 per Liguria, Marche, Sardegna, Toscana,Umbria, Campania e Veneto;
il 12 e il 13 per Abruzzo, Basilicata, Calabria, Friuli Venezia Giulia, Piemonte e Val d'Aosta;
il 17 e il 18 per l'Alto Adige.

L'eventuale prosecuzione del blocco verrà decisa dai docenti in lotta, e dipenderà in primo luogo da cosa succederà al Senato per la legge.

In caso di prosecuzione, può scattare la precettazione: ma solo dopo la dichiarazione di essa da parte del governo, i docenti potrebbero essere multati (500 euro nel primo episodio e fino a 1000 in caso di reiterazione)."

Flc-Cgil, Cisl scuola, Uil scuola, Gilda e Snals Scrutini: sciopero di un'ora. 5 giugno fiaccolata

Scrutini. Garante: nessun blocco per esami di terza media e maturità. Su classi intermedie si decide nei prossimi giorni

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
soloformazione