Sciopero generale il 16 dicembre, lo annunciano Cgil e Uil: “Manovra insoddisfacente, anche sulla scuola”. Il Governo: “Scelta incomprensibile”

WhatsApp
Telegram

Sarà dunque un fine anno all’insegna dello sciopero: subito dopo quello previsto per il 10 dicembre organizzato dai sindacati della scuola, arriva l’annuncio delle confederazioni Cgil e Uil che annunciano uno sciopero generale di 8 ore per il prossimo16 dicembre, con manifestazione nazionale a Roma e il contemporaneo svolgimento di analoghe e interconnesse iniziative interregionali in altre 4 città contro la manovra economica del governo. 

Pur apprezzando lo sforzo e l’impegno del Premier Draghi e del suo esecutivo, la manovra è stata considerata insoddisfacente”, dicono all’unisono le due confederazione affidando le critiche ad un lunghissimo elenco di punti dolenti: “fisco, pensioni, scuola, politiche industriali e contrasto alle delocalizzazioni, contrasto alla precarietà del lavoro soprattutto dei giovani e delle donne, non
autosufficienza, tanto più alla luce delle risorse, disponibili in questa fase, che avrebbero consentito una più efficace redistribuzione della ricchezza, per ridurre le diseguaglianze e per generare uno sviluppo equilibrato e strutturale e un’occupazione stabile“, dicono.

Saranno i segretari generali di Cgil e Uil, Maurizio Landini e PierPaolo Bombardieri, ad intervenire dalla manifestazione di Roma, che si svolgerà a Piazza del Popolo, si legge nella nota unitaria che rinvia alla conferenza stampa di domani alle 17,30, all’Hotel Londra in Piazza Sallustio a Roma nel corso della quale Landini e Bombardieri illustreranno le ragioni e le modalità dello sciopero.

La Cisl considera sbagliato ricorrere allo sciopero generale e radicalizzare il conflitto in un momento tanto delicato per il Paese, ancora impegnato ad affrontare una pandemia che non molla la presa e teso a consolidare i segnali positivi di una ripresa economica e produttiva che necessita di uno sforzo comune per essere resa strutturale“. Così in una nota il leader Cisl, Luigi Sbarra, commenta la decisione di Cgil e Uil di proclamare uno sciopero generale di 8 ore il 16 dicembre prossimo,

Tanto più considerati i rilevanti passi avanti fatti nell’ultimo mese sui contenuti della legge di bilancio. Risultati che valutiamo in modo positivo e che garantiscono avanzamenti su riduzione delle tasse ai lavoratori e pensionati, risorse per gli ammortizzatori sociali e contratti di espansione, maggiori stanziamenti per la sanità, importanti risorse per non autosufficienza, pubblico impiego, assegno
unico per i figli, uniti all’impegno forte assunto dal Governo di aprire al più presto un confronto con il sindacato sulle rigidità della Legge Fornero e di accelerare la riforma fiscale“, elenca.

“La Manovra è fortemente espansiva e il governo ha sostenuto lavoratori, pensionati e famiglie con fatti, provvedimenti e significative risorse”. Così fonti di governo dopo che Cgil e Uil hanno proclamato 8 ore di sciopero il 16/12 definendo “insoddisfacente” la legge di Bilancio.

“Non è vero, osservano, che chi ha meno ha avuto meno. Si è scelto di varare una manovra fortemente espansiva per accompagnare il Paese fuori dalla drammatica emergenza Covid, fronteggiando disagio e potenziale impoverimento”. “Sciopero incomprensibile”.

Sciopero 10 dicembre, Di Meglio (Gilda): “50 euro netti sono una miseria per i docenti. Organico Covid? Solo pannicello caldo” [INTERVISTA]

WhatsApp
Telegram

Concorso a cattedra ordinario secondaria, il corso Orizzonte Scuola: aggiornato con esempi di prova orale già pronti e simulatore EDISES per la prova scritta. A 150 EURO