Sciopero ATA. FLCGIL e FISH contro blocco posizioni economiche

di redazione
ipsef

Ieri 17 febbraio 2014 si è svolto lo sciopero del personale ATA per la mancata retribuzione delle posizioni economiche. Pubblichiamo il comunicato congiunto Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap (FISH) e Federazione Lavoratori Conoscenza CGIL (FLC CGIL)

Ieri 17 febbraio 2014 si è svolto lo sciopero del personale ATA per la mancata retribuzione delle posizioni economiche. Pubblichiamo il comunicato congiunto Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap (FISH) e Federazione Lavoratori Conoscenza CGIL (FLC CGIL)

Sostegno alla protesta dei lavoratori della scuola per la difesa delle posizioni economiche di supporto agli alunni con disabilità

La FISH e la FLC CGIL, nell’incontro di oggi 17 febbraio fra le rappresentanze delle due Federazioni, presenti il Vicepresidente della Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap – Salvatore Nocera – e il Segretario Generale della FLC CGIL – Domenico Pantaleo –  hanno valutato come assai grave la situazione che si è venuta a creare nel mondo della scuola per la mancata retribuzione delle posizioni economiche del personale ATA.

In particolare si ritengono inaccettabili le misure governative perché interrompono di fatto un servizio, contrattualmente previsto, a beneficio degli alunni con disabilità e compromettono per il futuro la realizzazione concreta del processo di inclusione di cui  l’efficienza e continuità del servizio e le posizioni economiche sono strumento fondamentale.

Le due Federazioni ritengono meritevoli di ogni sostegno le azioni di protesta, indette dalla FLC CGIL e da altri sindacati che vorranno intraprendere la stessa protesta, che prevedono l’astensione da tutte le attività aggiuntive a partire dal 21 febbraio e fino al 22 marzo 2014, con particolare riferimento all’assistenza igienica agli alunni con disabilità gravi, da cui i collaboratori scolastici legittimamente si astengono a causa della sospensione unilaterale governativa dell’apposita indennità prevista dal CCNL.

Per tale motivo si impegnano a favorire incontri fra le strutture regionali e territoriali delle rispettive organizzazioni affinché sia data la massima visibilità alla protesta e si coinvolgano le famiglie degli alunni con disabilità chiedendone collaborazione e sostegno.

Nei prossimi giorni FISH e FLC CGIL assumeranno le opportune iniziative nei confronti del nuovo Governo affinché si possano definire gli interventi necessari a garantire il ripristino delle posizioni economiche Ata e il diritto degli alunni con disabilità ad avere un’inclusione scolastica di qualità oltre che costituzionalmente tutelata.

Versione stampabile
anief
soloformazione