Sciopero 17 maggio, Cobas: un successo, centinaia di scuole completamente chiuse

Stampa

Piero Bernocchi   portavoce nazionale COBAS commenta lo sciopero di oggi 17 maggio. 

” Dai dati pervenuti finora – afferma il sindacalista –  risulta che almeno il 20% dei docenti ed Ata ha scioperato nelle principali città, centinaia di scuole sono state completamente chiuse, mentre molte migliaia di lavoratori/trici sono scesi/e in piazza a Roma nella manifestazione nazionale, oltre che a Napoli, Bologna, Palermo, Genova e Padova.

A Roma, di fronte al Parlamento, P. Montecitorio è stata completamente stipata da docenti ed Ata venuti/e da tutta Italia (particolarmente rilevante la delegazione COBAS di Cagliari, la più numerosa di quelle extra-romane) e al microfono si sono succedute le proteste e le proposte, con oltre una trentina di interventi.

Punto centrale dei vari discorsi l’ostilità assoluta e il ripudio del Disegno di Legge del governo Lega-5Stelle sull’Autonomia differenziata, che intende dare alle regioni la competenza esclusiva in materia di Istruzione (oltre che di Sanità e altre), con una scuola che verrebbe organizzata in base alle disponibilità economiche territoriali, con uno Stato che abdicherebbe alla propria funzione, acuendo il divario economico e sociale tra Nord e Sud, tra regioni ricche e povere, emarginando i più vulnerabili e indifesi.

La regionalizzazione – hanno sottolineato tutti gli interventi – disgregherebbe il carattere unitario nazionale dell’istruzione, oltre che l’unità delle norme contrattuali, creando di fatto 20 scuole diverse, non comunicanti e confliggenti, con un’ulteriore divaricazione socio-economica tra regioni.

Molti interventi hanno poi rilanciato gli altri obiettivi dello sciopero: la richiesta di un rinnovo contrattuale che preveda  aumenti salariali che recuperino almeno il 20% di reddito perso negli ultimi anni; l’assunzione di tutti/e i precari/e con 36 mesi di servizio; l’aumento degli organici ATA; il NO all’Invalsi come strumento di valutazione delle scuole, dei docenti e degli studenti e il NO ai sorteggi che ridicolizzano l’Esame di Stato.

 Infine, massima solidarietà è stata espressa dalla piazza a Maria Rosa Dell’Aria, la carissima collega dell’istituto Vittorio Emanuele III di Palermo, colpita da un odioso e intollerabile provvedimento repressivo – con la sospensione dal lavoro di 15 giorni e interruzione dello stipendio – per aver svolto il suo ruolo didattico, consentendo ai propri studenti di svolgere, senza alcuna censura, una ricerca storica sulle ignobili leggi razziali mussoliniane del 1938, che prevedeva anche alcuni comprensibilissimi richiami al nostro presente. Le organizzazioni promotrici dello sciopero e della manifestazione, insieme a tutti i presenti in piazza, hanno rivolto un severo monito al ministro Bussetti affinché fin da lunedì prossimo proceda al reintegro di Maria Rosa nel suo posto di lavoro dove ha sempre svolto un’attività didattica assai apprezzata da studenti e colleghi, e accompagni questo atto con pubbliche scuse per l’insopportabile umiliazione che ha inferto alla collega, a cui non va tolto neanche un euro di uno stipendio già misero, come è quello attuale dei/delle docenti ed Ata italiani/e.”

Stampa

Con i 24 CFU proposti da Mnemosine puoi partecipare al Concorso. Esami in un solo giorno in tutta Italia