Schlein presenta la nuova segreteria del PD. Manzi confermata responsabile Scuola e Istruzione

WhatsApp
Telegram

Elly Schlein ha annunciato la nuova segreteria del Partito Democratico (PD) con una diretta su Instagram. La squadra, composta da 20 membri, è stata descritta come un “governo ombra”.

Come responsabile del settore Scuola è stata confermata Irene Manzi, attuale deputata dem.

“Un giusto mix di rinnovamento, apertura, solidità e competenza allargando a mondi esterni. Ci aspetta un grande lavoro”, ha detto Schlein. “Mi prendo l’impegno a organizzare una vera conferenza stampa per confrontarci sui temi e sulle scelte di riorganizzazione, siamo andati un po’ lunghi”, ha spiegato la segretaria.

Ecco la composizione della nuova segreteria del partito. Questa la lista annunciata:

– Alessandro Alfieri: riforme e pnrr.
– Davide Baruffi: enti locali.
– Marta Bonafoni: coordinatrice della segreteria, terzo settore e associazionismo.
– Stefania Bonaldi: pa, professioni e innovazione.
– Annalisa Corrado: conversione ecologica, clima, green economy e agenda 2030.
– Alfredo D’Attorre: università.
– Marco Furfaro: responsabile iniziative politiche del pd, welfare, contrasto alle diseguaglianze.
– Maria Cecilia Guerra: politiche del lavoro.
– Camilla Laureti: politiche agricole e alimentari.
– Marwa Mahmoud: partecipazione e formazione politica.
– Pierfrancesco Maiorino: politiche migratorie e diritto alla casa.
– Irene Manzi: scuola, istruzione, infanzia e povertà educativa.
– Antonio Misiani: economia, finanze, imprese e infrastrutture.
– Giuseppe Provenzano: esteri, europa e cooperazione internazionale.
– Vincenza Rando: contrasto alle mafie, legalità e trasparenza.
– Sandro Ruotolo: informazione, cultura e memoria.
– Marco Sarracino: coesione territoriale, sud e aree interne.
– Marina Sereni: diritto alla salute e sanità – debora serracchiani: giustizia.
– Igor Tartufi: organizzazione pd
– Alessandro Zan: diritti

WhatsApp
Telegram

Abilitazione all’insegnamento 30 CFU. Corsi Abilitanti online attivi! Università Dante Alighieri