Schettini a tutto tondo: “4 in matematica voto più basso. Ho accettato già da adolescente la mia omosessualità. Oggi guadagno di più, ma non lascerò mai l’insegnamento”

WhatsApp
Telegram

Vincenzo Schettini, anima del progetto didattico “La fisica che ci piace”, intervistato da la Repubblica si racconta e si dà qualche voto: da studente si sarebbe dato un 8 perché uno studente molto organizzato. E anche da insegnante si dà un 8, “mestiere delicato e la realtà degli studenti è complessa”.

Oggi Schettini insegna part time: “Stanno entrando un po’ di soldini in più rispetto a quelli che avrei guadagnato soltanto con la scuola, ma non lascerò mai l’insegnamento“.

Il professore ricorda che da bambino era curioso e mediamente studioso. Da ragazzo se la cavava bene nelle materie umanistiche ma odiava la geografia e le traduzioni di latino. “Amavo da morire la filosofia: i primi fisici sono stati proprio i filosofi” spiega. Il voto più basso è stato un 4+ proprio in un compito di matematica sui radicali.

L’aspetto della matematica che più affascina il prof “è il fatto che ci fa interpretare davvero di tutto; la matematica arriva a livelli talmente complessi da spiegare anche le cose più profonde“.

Oltre all’insegnamento c’è la musica: “Nella scuola media c’era l’indirizzo musicale – ricorda. Alle selezioni arrivai ultimo: visto che non c’era più posto per la chitarra, scelsi il violino. La musica mi impegnava fino a sera, al mattino seguivo le lezioni con la massima attenzione perché non potevo dedicare tanto tempo allo studio“.

E sui primi amori il professore ripensa alla sua adolescenza: “Avevo scoperto e accettato senza problemi la mia omosessualità, ma dovevo adeguarmi ai miei amici e così le prime cotte furono per due compagne delle medie: Patrizia e Delia“.

WhatsApp
Telegram

TFA sostegno IX ciclo. Segui un metodo vincente. Non perderti la lezione in sincrono a cura della Dott.ssa Evelina Chiocca sul Pei