Scelta 150 preferenze e supplenze, cosa cambia: tutti i miglioramenti e le novità. Quello che sappiamo sui tempi

WhatsApp
Telegram

Nell’ambito dell’istruzione, si avvicina l’arrivo del contingente per le immissioni in ruolo, accompagnato dalla pubblicazione della Circolare e della nota esplicativa contenenti le date precise per la procedura online e le nomine nel ruolo. Durante un incontro al Ministero, è emerso che la nuova procedura informatizzata presenta miglioramenti rispetto all’anno precedente. In un’intervista esclusiva, la portavoce dell’ANIEF Cozzetto ha illustrato i dettagli della procedura e le sfide affrontate per renderla accessibile a tutti i candidati. Nonostante alcune complessità, il sistema informatizzato è in fase di completamento e si prevede che le date ufficiali saranno rese note a breve.

Durante un incontro il Ministero ha fornito dettagli sulle migliorie apportate alla procedura informatizzata rispetto all’anno precedente. La nuova procedura si prospetta più fluida, intuitiva e accessibile, offrendo nuove funzionalità che semplificheranno il processo di candidatura. Tuttavia, ci sono ancora alcune criticità da risolvere per garantire una migliore esperienza agli insegnanti e al personale scolastico.

Miglioramenti e funzionalità aggiuntive

Secondo quanto riferito da Chiara Cozzetto, sindacalista di Anief, durante una diretta su Orizzonte Scuola TV, la nuova procedura di nomine e supplenze si presenta come un notevole passo avanti rispetto all’anno precedente. Tra i principali miglioramenti, emerge la possibilità per i candidati di visualizzare tutte le sezioni necessarie in un’unica schermata, semplificando così l’intero processo. Inoltre, non sarà più necessario utilizzare solo il desktop per inviare la domanda, ma sarà possibile farlo anche da tablet e cellulare. Questo ampliamento della compatibilità garantirà maggiore flessibilità e accessibilità ai candidati.

Una delle innovazioni più rilevanti riguarda l’introduzione di un sistema di selezione delle sedi tramite il drag and drop. Questo permetterà ai candidati di scegliere facilmente le sedi preferite e rendere il processo di selezione più semplice ed intuitivo. Questa funzionalità si preannuncia come un importante strumento per ottimizzare le preferenze dei candidati, migliorando la loro esperienza durante la procedura di nomine e supplenze.

Durante l’incontro al Ministero, è emerso che saranno introdotte alcune novità significative per rendere la procedura ancora più efficace ed efficiente.

Una delle nuove funzionalità riguarda la possibilità di esprimere preferenze generiche su spezzoni, anche senza specificare il minimo o il massimo di frazioni orarie. Questo aspetto consentirà ai candidati di indicare le loro preferenze in modo più flessibile, adattandosi alle esigenze specifiche di ciascun insegnante.

Inoltre, è stata introdotta una gestione delle riserve e delle precedenze, in conformità con la Legge 104. Queste riserve e precedenze verranno applicate tenendo conto della singola graduatoria (GM, GAE, GPS) in trattamento. Questo permetterà di garantire una corretta considerazione delle esigenze degli insegnanti con disabilità o che necessitano di particolari supporti.

Per quanto riguarda i completamenti, la procedura offrirà la possibilità di esprimere le preferenze riguardo alla scuola, al comune, al distretto e alla provincia. L’Amministrazione ha chiarito che i completamenti avverranno tenendo conto della tipologia richiesta (scuola, distretto, comune, provincia) e saranno limitati alle scuole selezionate appartenenti alla stessa tipologia. Al fine di fornire maggiori dettagli, l’Amministrazione si è impegnata a fornire esemplificazioni per chiarire meglio il funzionamento di questa nuova opzione.

Queste migliorie e nuove funzionalità si preannunciano come elementi chiave per ottimizzare il processo di nomine e supplenze nel settore dell’istruzione.

Nonostante i miglioramenti riscontrati, sono state sollevate alcune criticità. I partecipanti hanno richiesto alcune modifiche per rendere la domanda più leggibile e fruibile. È emerso che la presentazione della domanda, specialmente per le supplenze, può risultare complessa. Durante la riunione, sono state affrontate diverse scelte da fare, come la durata della supplenza, che varia tra il 31 agosto e il 30 giugno, e l’inserimento di uno spezzone. L’obiettivo è semplificare tali scelte e rendere la procedura di presentazione della domanda più agevole per tutti i candidati.

Nonostante il lavoro in corso per migliorare la procedura informatizzata, il sistema è ancora in fase di completamento. Si sta lavorando a stretto contatto con il Ministero per fornire indicazioni chiare e rendere la procedura il più efficace possibile. È importante sottolineare che attualmente la procedura non è ancora fruibile o compilabile su Istanze online, nonostante alcune persone possano visualizzarla. L’accesso anticipato è dovuto al lavoro degli informatici che stanno preparando il sistema per renderlo disponibile a tutti al momento opportuno.

Scopi e destinatari della procedura

La procedura di nomine e supplenze si rivolge alle persone interessate a ricoprire ruoli di insegnamento nell’ambito dell’istruzione. In particolare, la nuova procedura riguarda le supplenze finalizzate al ruolo GPS, alla prima fascia e al sostegno, nonché gli incarichi a tempo determinato annuali fino al 31 agosto e fino alla fine delle attività didattiche il 30 giugno.

Le date ufficiali e le indicazioni future

In attesa delle date ufficiali per le nomine e il ruolo, è necessario seguire attentamente le indicazioni degli Uffici Scolastici Regionali competenti. Per le supplenze, invece, il Ministero dell’Istruzione stabilirà direttamente le date nazionali. È fondamentale restare aggiornati sulle comunicazioni ufficiali per poter procedere correttamente con le domande. Le operazioni, comunque, non potranno partire prima della metà di luglio.

WhatsApp
Telegram

La Dirigenza scolastica, inizio anno scolastico: la guida operativa con tutte le novità 2024/25 con circolari e documenti pronti all’uso