Scatti, ricostruzione integrale e gradone stipendiale 3-8: a Cosenza 5 docenti ottengono giustizia grazie all’Anief

WhatsApp
Telegram

Arrivano altre cinque sentenze dai Tribunali del Lavoro di Cosenza e Castrovillari che accolgono le tesi del nostro sindacato sul diritto dei docenti immessi in ruolo al riconoscimento immediato e integrale di tutto il servizio preruolo.

Accolte, anche, le richieste di riconoscimento del diritto agli scatti di anzianità e relative progressioni di carriera anche durante i reiterati contratti a termine.  “La contrattazione che prevede una discriminazione tanto palese nei confronti del lavoro a termine – spiega Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief – è illegittima e i tribunali ci stanno dando ragione ormai da anni. Il CCNL va adeguato alle normative eurounitarie e questo doveva accadere già da tempo. Non è possibile che un precario non percepisca le progressioni stipendiali e non è possibile che il periodo di precariato non venga valutato immediatamente e per intero all’atto della ricostruzione di carriera. Saremo noi a tavoli della trattativa a ribadire la necessità di conformare la normativa interna alle direttive comunitarie e, finalmente, superare queste odiose discriminazioni”.

L’Anief ricorda a tutti i lavoratori che è ancora possibile ricorrere per vedersi riconosciuto il diritto all’integrale ricostruzione di carriera commisurata agli effettivi anni di servizio prestati con contratti a tempo determinato e per ottenere immediatamente il corretto inquadramento stipendiale.

Per ulteriori informazioni e aderire ai ricorsi promossi dall’Anief, clicca qui 

WhatsApp
Telegram