Scatti di anzianità. il giudice li riconosce anche ai precari della scuola. Anief: ancora possibile ricorrere

di redazione
ipsef

item-thumbnail

comunicato Anief – Il Tribunale del Lavoro di Crotone, appoggiando le tesi patrocinate dai legali Anief, ha sottolineato il trattamento discriminatorio portato avanti dal Miur nei confronti del personale scolastico che ha svolto, per anni, prestazioni su contratti di lavoro a tempo determinato, non riconoscendogli alcuna anzianità di servizio e progressione stipendiale, come avviene per il personale scolastico di ruolo.

Il Tribunale calabrese, non a caso, in riferimento alla richiesta avanzata dai ricorrenti, accoglie la loro domanda rifacendosi al “principio di non discriminazione” riportato nella clausola 4 della Direttiva Comunitaria 1999/70/CE che “impone di riconoscere la anzianità di servizio maturata al personale del comparto scuola assunto con contratti a termine, ai fini della attribuzione della medesima progressione stipendiale prevista per i dipendenti a tempo indeterminato dai c.c.n.l succedutisi nel tempo, sicché vanno disapplicate le disposizioni dei richiamati c.c.n.l. che, prescindendo dalla anzianità maturata, commisurano in ogni caso la retribuzione degli assunti a tempo determinato al trattamento economico iniziale previsto per i dipendenti a tempo indeterminato”.

Per questo motivo, in base alle suddette richieste e alla normativa europea, il giudice ha disposto il riconoscimento dell’anzianità di servizio, giuridica ed economica, dei ricorrenti per i periodi effettivamente svolti con contratti a termine e ha condannato il Miur a collocarli nella posizione stipendiale corrispondente nonché a pagare loro le differenze retributive maturate fin dal primo anno di contratto a tempo determinato.

“Non è concepibile – commenta Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief e segretario confederale Cisal – che il Ministero dell’Istruzione continui la sua discriminazione a discapito dei lavoratori precari non contemplando, ai fini del diritto alla progressione di carriera, quanti svolgono il proprio lavoro con contratti a tempo determinato. Il nostro sindacato si è sempre schierato al loro fianco e continueremo a batterci anche ai tavoli della contrattazione per rivendicare parità di diritti. Non ci fermeremo fino a quando anche il CCNL non riconoscerà ai precari della scuola la loro professionalità e parità di trattamento anche retributivo”.

L’Anief ricorda a tutti i lavoratori precari della scuola che è sempre possibile ricorrere per vedersi riconosciuto il diritto agli scatti di anzianità commisurati agli effettivi anni di servizio prestati con contratti a tempo determinato e per ottenere il corretto inquadramento stipendiale anche per gli stipendi futuri.

Per ulteriori informazioni e aderire ai ricorsi promossi dall’Anief, clicca qui

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
soloformazione