Scatti anzianità. La Uil: “dal ministero silenzio e inaccettabile ritardo”

Di
Stampa

UIL – Un comportamento irrispettoso degli insegnanti e del personale ATA che garantiscono ogni giorni il funzionamento della scuola.

UIL – Un comportamento irrispettoso degli insegnanti e del personale ATA che garantiscono ogni giorni il funzionamento della scuola.

La questione è stata risolta con la legge 122 del 2010 che destina al pagamento degli scatti di anzianità, per il triennio di blocco contrattuale, le risorse derivanti dal 30% dei risparmi previsti dal decreto legge n. 133, previa certificazione dei risparmi.

Lo scorso anno gli scatti sono stati regolarmente pagati. Inoltre, per quest’anno, è stato previsto dalla legge Finanziaria l’utilizzo di altre risorse per via negoziale. Nell’incontro del 22 dicembre 2011, il ministro Profumo aveva annunciato che “ era previsto, in giornata, un incontro tra il Ministero dell’Economia e quello dell’Istruzione per la certificazione delle risorse”.

Negli incontri successivi, il ministro stesso e i dirigenti del ministero hanno dato per risolta la certificazione che riguarda il personale che matura l’aumento con decorrenza dal gennaio 2011 al dicembre 2011. Tale personale avrà diritto, oltre che agli arretrati, anche al riconoscimento ai fini pensionistici. La Uil Scuola è intervenuta ripetutamente per avere risposta ufficiale, sull’avvenuta certificazione, e sulle procedure negoziali da avviare urgentemente per arrivare al pagamento.

Purtroppo il ministero si è chiuso in un silenzio irrispettoso degli insegnanti e del personale Ata.

Se non si risolve nei prossimi giorni, la Uil proporrà iniziative di mobilitazione in coincidenza con la fine dell’anno scolastico e iniziative legali, riservandosi anche di verificare se ci sono responsabilità per omissione di atti di ufficio.

Stampa

Acquisisci 6 punti con il corso Clil + B2 d’inglese. Contatta Eurosofia per una consulenza personalizzata