Scatti anzianità. Gilda: primo impegno strappato a Tremonti

di redazione
ipsef

GildaIns – “Apprezziamo la disponibilità dimostrata dal ministro Tremonti a trattare sull’utilizzo del 30% dei risparmi derivanti dai tagli per non abolire gli scatti di anzianità per i docenti”. Così il coordinatore nazionale della Gilda degli Insegnanti, Rino Di Meglio, commenta l’apertura del ministro dell’Economia, Giulio Tremonti, intervenuto oggi alla riunione dei responsabili regionali di FGU, Cisl Scuola, Uil Scuola e Snals-Confsal, che si è svolta all’Auditorium di via Rieti.

GildaIns – “Apprezziamo la disponibilità dimostrata dal ministro Tremonti a trattare sull’utilizzo del 30% dei risparmi derivanti dai tagli per non abolire gli scatti di anzianità per i docenti”. Così il coordinatore nazionale della Gilda degli Insegnanti, Rino Di Meglio, commenta l’apertura del ministro dell’Economia, Giulio Tremonti, intervenuto oggi alla riunione dei responsabili regionali di FGU, Cisl Scuola, Uil Scuola e Snals-Confsal, che si è svolta all’Auditorium di via Rieti.

“Le dichiarazioni di Tremonti, il quale ha ammesso che la manovra correttiva del Governo colpisce due volte la scuola, – afferma Di Meglio – rappresentano un primo impegno. Nei prossimi giorni verificheremo se si riuscirà realmente a raggiungere l’obiettivo di rendere giustizia agli insegnanti italiani, cancellando questa norma iniqua che blocca non solo i contratti, ma anche le progressioni di carriera”.

Questa mattina, intanto, si è riunita la direzione nazionale della Gilda degli Insegnanti che, all’unanimità, ha votato una serie di iniziative da mettere in campo durante il prossimo anno scolastico. Tra le azioni di protesta stabilite dalla Gilda, il boicottaggio di tutte le attività non obbligatorie, a partire dall’organizzazione delle gite e dei viaggi di istruzione.

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione