+ scatti di anzianità, meno salario accessorio, meno fondo di istituto

di Lalla
ipsef

red – A poche ore dalla notizia che il Governo ha comunicato di avere predisposto l’atto di indirizzo sul recupero della validità dell’anno 2011 ai fini delle progressioni di carriera e il relativo pagamento degli scatti per chi li ha maturati, rimane l’interrogativo: da quale capitolo di spesa verranno tratte le risorse necessarie per questa operazione? Dal salario accesssorio e dal fondo di istituto, of course.

red – A poche ore dalla notizia che il Governo ha comunicato di avere predisposto l’atto di indirizzo sul recupero della validità dell’anno 2011 ai fini delle progressioni di carriera e il relativo pagamento degli scatti per chi li ha maturati, rimane l’interrogativo: da quale capitolo di spesa verranno tratte le risorse necessarie per questa operazione? Dal salario accesssorio e dal fondo di istituto, of course.

L’unica sigla sindacale a parlarne è la FLC CGIL nel ribadire la propria contrarietà alla politica del Governo " L’onere del pagamento si scarica sui lavoratori che dovranno rinunciare a una parte del salario accessorio, quello finalizzato al miglioramento dell’offerta formativa cioè il valore aggiunto alla didattica.

Gli scatti verranno pagati dagli stessi lavoratori ma anche dagli studenti che avranno meno offerta formativa. L’autonomia scolastica e il patto sociale con le famiglie ne escono calpestati.

Per coloro poi che dovrebbero percepire lo scatto negli anni successivi, c’è una sola soluzione: taglio ulteriore del fondo di scuola. In due anni quindi le risorse disponibili per il miglioramento dell’offerta formativa si ridurranno a meno di un terzo di quelle attuali"

Rimaniamo in attesa dei comunicati delle altre Organizzazioni sindacali su questo argomento.

OO.SS. sospendono sciopero del 24 novembre. Resta in campo la FLC CGIL

Versione stampabile
soloformazione