Scatti di anzianità 2012 e posizioni economiche Ata. Ritardi su ritardi

Di

red – Ad intervenire è l’ANQUAP, Associazione Nazionale Quadri delle Amministrazioni Pubbliche, che risponde in questo modo alle richieste del personale docente e Ata che ha perso le tracce di quella ipotesi di CCNL che sembrava aver sbloccato la situazione.

red – Ad intervenire è l’ANQUAP, Associazione Nazionale Quadri delle Amministrazioni Pubbliche, che risponde in questo modo alle richieste del personale docente e Ata che ha perso le tracce di quella ipotesi di CCNL che sembrava aver sbloccato la situazione.

Comunicato ANQUAP – Come noto in data 11 giugno 2014 l’ARAN e le Organizzazioni Sindacali rappresentative del Comparto Scuola hanno sottoscritto due importanti ipotesi di CCNL:

– quella riguardante le posizioni stipendiali;
– quella concernente una tantum per il personale ATA già destinatario di posizioni economiche.

Dalla data di sottoscrizione dell’ipotesi sono decorsi oltre 40 giorni e il Governo non ha ancora esaminato i testi per quanto di sua competenza.

Si ricorda che per espressa disposizione di legge (Decreto Legge n. 3/2014 convertito con modificazioni dalla Legge 41/2014), la sessione negoziale doveva concludersi entro il 30 giugno 2014.

Ciò non è avvenuto e tutto il personale Docente e ATA delle Istituzioni Scolastiche ed Educative continua a pagarne le conseguenze in termini retributivi.

La politica pretende efficienza, puntualità e produttività dai pubblici dipendenti, ma non può dirsi che dia il buon esempio.

IL PRESIDENTE
Giorgio Germani

Preparazione concorsi, TFA e punteggio in graduatoria con CFIScuola!