SAVT École: bene modifica Adaptations, ma necessaria rivisitazione complessiva

Stampa

comunicato SAVT École – Il SAVT École, in seguito alla riunione del Consiglio Scolastico Regionale di giovedì 28 dicembre 2017, accoglie con favore il il riconoscimento delle istanze del corpo insegnante della Valle d’Aosta che hanno portato alla luce le criticità riscontrate in un anno e mezzo di sperimentazione dei nuovi Adattamenti, criticità che peraltro sono emerse sia nella scuola primaria sia nella scuola secondaria di primo e secondo grado.

Prendiamo atto che le decisioni assunte di autorizzare deroghe all’impianto sperimentale degli adattamenti per l’attuale anno scolastico e quindi per l’imminente secondo quadrimestre riguardano solamente la scuola secondaria di primo e di secondo grado, mentre per la scuola dell’infanzia e per la scuola primaria l’impianto rimane per ora invariato. Tali decisioni sono ad avviso del SAVT École assunte in emergenza per evitare che la sperimentazione, così come concepita nel 2016, penalizzi gli alunni stessi che attualmente non hanno gli strumenti necessari per affrontare una disciplina non linguistica in lingua diversa dall’italiano.

Come Sindacato SAVT ribadiamo l’importanza di una scuola aperta al plurilinguismo, sia per rispondere alla nostra identità culturale sia perché l’attuale sistema scolastico nazionale ed europeo richiede agli alunni la conoscenza di una lingua straniera a livello almeno B2 del QCER, anche e soprattutto in prospettiva di un futuro collocamento lavorativo.

Si richiede che dopo questo primo momento di decisioni assunte in emergenza, che ha riguardato solo la scuola secondaria, altrettanta attenzione sia applicata da parte dell’amministrazione e dello dello stesso consiglio scolastico regionale nella fase di valutazione vera e propria e complessiva, che dovrà essere effettuata per la revisione degli adattamenti in vista del prossimo anno scolastico.

Anche la scuola primaria ha necessità di essere rafforzata in termini di risorse umane e finanziarie per poter acquisire le competenze e gli spazi necessari per organizzare le attività scolastiche in modo non frammentario e non a discapito dell’efficacia didattica.

Per tutti gli ordini e gradi di scuola rimane fermo il principio che per aumentare la qualità dell’offerta formativa sia necessario dotare le istituzioni scolastiche delle risorse adeguate, principio che la mancata sostituzione dei docenti assenti e il taglio di cattedre alla scuola media mettono in forte discussione.

La Segretaria del SAVT École
Alessia Démé

La Val d’Aosta modifica le Adaptations, la 107 applicata al sistema scolastico regionale

Stampa

Il nuovo programma di supporto gratuito Trinity per docenti di lingua inglese