Save the Children: oltre 1 milione di bambini vive in povertà assoluta, 14% in più rispetto allo scorso anno

Stampa

comunicato Save the Children – “I dati lo confermano: la povertà dei bambini è una vera emergenza e come tale va affrontata, con interventi diretti, coraggiosi e urgenti” ha dichiarato Raffaela Milano, Direttrice dei Programmi Italia-Europa di Save the Children, l’Organizzazione internazionale dedicata dal 1919 a salvare la vita dei bambini e garantire loro un futuro, commentando il rapporto sulla povertà in Italia nel 2016 diffuso oggi da Istat.

Sono saliti a 1 milione e 292 mila i bambini che vivono in condizione di povertà assoluta, pari a 1 minore su 8. Sono 161.000 in più (+14%) rispetto all’anno precedente. Aumenta anche l’incidenza del numero dei minori in povertà assoluta sul totale della popolazione che versa in stato di indigenza, passando dal 10,9% del 2015 al 12,5% del 2016. Anche le famiglie con figli minori in povertà assoluta sono quadruplicate: la loro incidenza sul totale delle persone colpite da povertà assoluta è passata, dal 2007 al 2016, dal 2,4% al 9,9%. Il peggioramento della situazione economica colpisce in maniera più estesa anche i minori che sono in povertà relativa: sono 2 milioni e 297 mila nel 2016 e rappresentano il 22,3% della popolazione in questa condizione (nel 2015 erano il 20,2%).

“È inaccettabile che in un paese come l’Italia cresca di anno in anno il numero dei minori in condizione di povertà assoluta, un milione e 292 mila bambini e adolescenti ai quali manca l’indispensabile per condurre una vita dignitosa. Sappiamo che la povertà minorile tocca tutte le dimensioni della crescita e ha conseguenze lungo il corso di tutta la vita, a partire dalla povertà educativa, difficilmente recuperabile negli anni”, ha aggiunto Milano. “Facciamo appello al Parlamento affinché nella formulazione dei decreti attuativi ora in esame, la lotta alla povertà minorile sia tenuta nella massima considerazione e siano presi provvedimenti specifici e urgenti per contrastare questo fenomeno. Purtroppo i dati ci dicono che sono tantissime le famiglie che non possono neppure offrire ai propri figli pasti adeguati. Ecco perché tra le misure più urgenti per supportare questi bambini in condizioni di grave indigenza, è ad esempio necessario che prima dell’inizio del nuovo anno scolastico venga garantito in tutta Italia il diritto alla mensa scolastica gratuita”.

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur