Sasso: “Studenti senza green pass non possono entrare in palestra, basta discriminazioni”

WhatsApp
Telegram

“Mentre gli atleti delle Nazionali azzurre conquistano medaglie in giro per il mondo, ai nostri studenti privi di Green Pass viene impedita la frequenza delle lezioni di educazione fisica”.

Lo scrive in un post su Facebook il sottosegretario all’Istruzione, Rossano Sasso.

“In un liceo modenese, ad esempio, accade che ai ragazzi che non sono in possesso della certificazione sanitaria venga inibito l’accesso a una struttura privata esterna alla scuola per svolgere le lezioni di nuoto, costringendoli a rimanere in classe. In questo modo non solo si impedisce agli studenti di curare il proprio benessere psicofisico attraverso l’attività motoria, ma si creano intollerabili differenziazioni tra i ragazzi”.

“Mentre infatti i minorenni vaccinati possono frequentare le lezioni, gli altri sono invitati a rimanere nei locali scolastici a fare non si sa che cosa – spiega Sasso – Inoltre non bisogna dimenticare che non tutte le famiglie possono permettersi di far praticare una disciplina sportiva ai propri figli al di là dell’orario scolastico. Una situazione che non può che definirsi insostenibile e che dovrà essere necessariamente rivista alla luce dell’evoluzione del quadro pandemico. La salute dei nostri studenti si tutela anche rendendo effettiva la pratica sportiva e abolendo norme che oggi non hanno più alcuna ragione di esistere. Basta con queste limitazioni, oggi non hanno più alcun senso. Basta esasperazioni“, conclude il sottosegretario leghista.

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur