Sasso: “Serve un piano straordinario per stabilizzare i precari. Abbiamo bisogno di una scuola normale con degli insegnanti normali e più gratificati” [VIDEO]

WhatsApp
Telegram

“Un primo dato positivo è che si sta parlando di scuola durante queste elezioni. Questa legislatura era partita con ottimi auspici. Sia Lega che M5S avevano iniziato a parlare di stabilizzazione del precariato per soli titoli. Poi siamo rimasti in pochi a parlare di stabilizzazione. Nel Governo Draghi alla fine, l’idea di stabilizzare chi insegna 10-15 o 20 anni attraverso un percorso abilitante speciale o un doppio canale di reclutamento è venuta meno”.

Lo ha detto il sottosegretario all’Istruzione Rossano Sasso, intervenuto al dibattito online organizzato dal sindacato Anief il 5 settembre.

“Coerentemente con i nostri ideali – prosegue Sasso -, noi del centro destra predisporremo un piano straordinario. Perché il precario stabilizzato non è solo la difesa del diritto di un lavoratore ma è un dato positivo per i nostri ragazzi, perché il principale nemico della continuità didattica è il precariato“.

Ben venga l’appello dell’Anief di stabilizzare il precariato, aggiunge il sottosegretario – con il doppio canale di reclutamento, che era stato istituito dall’attuale presidente della Repubblica Sergio Mattarella, allora ministro dell’Istruzione. Anche io sono stato assunto con quel sistema“.

Noi abbiamo anche pensato ad un percorso abilitante speciale per chi ha esperienza. Dopo un anno di percorso, magari pensare ad una prova orale in cui esporre una unità didattica“, ha spiegato il sottosegretario.

Noi abbiamo bisogno di una scuola senza grandi riforme. Abbiamo bisogno di una scuola normale. Con degli insegnanti normali. Stabili sul proprio posto di lavoro e maggiormente gratificati“, ha concluso Rossano Sasso.

WhatsApp
Telegram

“Come compilare il nuovo pei pagina dopo pagina”. Corso tecnico/pratico di Eurosofia a cura di Evelina Chiocca, Ernesto Ciracì, Walter Miceli