Sasso: “Senza gli Ata le scuole non potrebbero aprire. Nella prossima Legge di Bilancio giusta attenzione alla categoria”

WhatsApp
Telegram

Il sottosegretario all’Istruzione, Rossano Sasso, in un post sul proprio profilo Facebook, rilancia l’attenzione del proprio partito, la Lega, per il personale tecnico amministrativo.

“Massimo rispetto sempre e comunque per gli insegnanti, categoria alla quale appartengo sia come lavoratore sia come figlio e nipote di docenti”, afferma Sasso.

Poi aggiunge: “Non ci sono solo loro nella scuola. Esiste anche il personale Ata, cioè il personale ausiliario, tecnico e amministrativo senza il quale le scuole non solo non funzionerebbero ma non potrebbero semplicemente aprire. Di loro mai nessuno parla nella politica che conta; dei loro problemi mai nessuno se ne occupa”.

E ancora: “Al loro interno, però, esiste una sottocategoria ancora più ignorata, sfruttata, invisibile: il cosiddetto organico Covid, circa 70.000 donne e uomini che sono stati indispensabili durante l’emergenza pandemica ma che sarebbero utilissimi anche in tempi ordinari. Impiegati amministrativi, collaboratori, impiegati tecnici indispensabili per tutta la comunità scolastica. In questo Governo purtroppo spesso mi sono imbattuto in alti burocrati che ignoravano addirittura l’esistenza stessa di tale personale e a gennaio ho dovuto lottare insieme alla Lega per la proroga di qualche mese dello stesso. Da insegnante, da padre e da sottosegretario garantirò il massimo impegno affinché il mio partito e il centrodestra tutto, nella prossima Legge di bilancio, dia la giusta attenzione a questa categoria. Invisibili solo per chi non conosce la scuola”.

WhatsApp
Telegram

TFA sostegno VIII ciclo 2023: requisiti di accesso e corso di preparazione, con simulatore per la preselettiva. 100 euro, offerta in scadenza