Sasso (Lega): scuole paritarie a rischio fallimento, Azzolina e Conte aiutino famiglie e lavoratori

Stampa

In Italia ci sono oltre 13.000 scuole paritarie, per lo più scuole dell’infanzia e primarie, con circa 900.000 alunni e 140.000 lavoratori tra personale docente e personale amministrativo, svolgendo un ruolo fondamentale nell’Istruzione del nostro Paese.

“L’emergenza coronavirus sta portando progressivamente al collasso di questo settore, con le famiglie che giustamente non stanno versando più il pagamento della retta mensile agli istituti. Se il Governo non interviene immediatamente con l’ approvazione di una serie di interventi a favore delle scuole paritarie, nel giro di pochi mesi avremmo il fallimento di tantissime strutture, ma anche l’impossibilità per lo Stato di sostenere gli elevatissimi costi, per garantire il diritto allo studio ai tantissimi alunni che oggi frequentano queste scuole. Per questi motivi dopo aver sentito le associazioni di categoria e gli addetti ai lavori, proporremo al Governo sei punti critici e da affrontare immediatamente:

1) L’erogazione di contributi aggiuntivi alle scuole paritarie per l’anno scolastico 2019/2020 al fine di esonerare i genitori dal pagamento delle rette per tutta la durata dell’emergenza sanitaria.
2) La detraibilità integrale delle rette pagate dalle famiglie per la frequenza scolastica e per i servizi educativi nelle scuole paritarie per l’anno 2019/2020.
3) garantire alle scuole paritarie un rapido accesso alla cassa integrazione in deroga, al Fis e a tutti gli ammortizzatori sociali;
4) estendere agli alunni delle scuole paritarie la possibilità di accesso ai fondi previsti per l’implementazione delle “Piattaforme didattiche a distanza”;
5) azzerare le imposte e i tributi locali nel 2020 o, in alternativa, di rinviare il pagamento, rateizzandolo fino al 31.12.2020;
6) estendere anche alle scuole private il credito di imposta per gli affitti previsto per botteghe e negozi a prescindere dalle categorie catastali di appartenenza ed il credito di imposta per le spese relative alle utenze.

Le scuole paritarie non sono scuole per ricchi, assolvono ad un delicato ruolo, coinvolgono oltre un milione di cittadini tra alunni e lavoratori e devono essere tutelate”.

Così in una nota il deputato pugliese della Lega Rossano Sasso, membro della Commissione Cultura della Camera dei Deputati.

Stampa

Concorsi ordinari docenti entro il 2021, anche DSGA. Preparati con CFIScuola!