Sasso (Lega): 60.000 lavoratori rischiano di essere buttati in mezzo ad una strada

Intervento dell’onorevole Rossano Sasso (Lega): “Audizione surreale, la Azzolina umilia i precari della scuola”.

“Ieri abbiamo assistito ad una audizione surreale, dove tra una comunicazione sballata sulla chiusura delle scuole ed un tentativo di rinviare per la terza volta l’incontro con i parlamentari della commissione Cultura, alla fine il Ministro Azzolina si è presentata dinanzi al cospetto di deputati e senatori.
Durante il mio intervento, ho ribadito che quando l’emergenza sarà terminata e si tornerà a scuola, i problemi resteranno.
Ho affermato che questo governo è stato democratico almeno in una cosa in materia di scuola: ha trattato male tutti, indistintamente, ha penalizzato tutte le categorie.
Su due di queste in particolare, i precari di terza fascia e gli aspiranti dirigenti scolastici del concorso del 2017, si è abbattuta con tutta la cattiveria possibile la scure ideologica della Azzolina.
Circa 60.000 lavoratori rischiano di essere buttati in mezzo ad una strada in nome di un fantomatico merito, che sinceramente qualcuno farebbe meglio a non citare viste le proprie vicende personali.
Ho denunciato infine il probabile conflitto di interessi in cui la Azzolina potrebbe trovarsi, nel caso in cui il 12 Marzo il Consiglio di Stato dovesse confermare quanto già previsto dal Tar Lazio, dando quindi ragione ai ricorrenti aspiranti dirigenti. In che modo il Ministro potrà garantire terzietà ed imparzialità, dovendo lei decidere della sorte dei suoi concorrenti, avendo lei inopportunamente partecipato allo stesso concorso? Non può essere arbitro e giocatore nella stessa partita”.

Con i 24 CFU proposti da Mnemosine puoi partecipare al Concorso. Esami in un solo giorno in tutta Italia