Sasso: “I dati di oggi non ci consentono la riapertura delle scuole”

Stampa

”Oggi i dati non consentono la riapertura, purtroppo dall’inizio della pandemia le scelte politiche effettuate si sono rivelate totalmente inefficaci. Da parte nostra c’è un’attenzione particolare per le fasce più piccole, infanzia, primaria e medie, perché sono le fasce più deboli dal punto di vista pedagogico di fronte alla didattica a distanza”.

Così Rossano Sasso, sottosegretario all’Istruzione, a 24 Mattino su Radio 24.

”Ora che abbiamo tempo e risorse mi impegno per fare in modo che, nel caso queste dannate curve non diminuiscano nei prossimi mesi, la  scuola non sia sacrificabile. È necessario mettere in sicurezza gli  ambienti scolastici, e ci sono due cose da fare subito – conclude –  diminuire il numero di alunni per classe e dotare le aule di impianti di areazione, di ventilazione meccanica”.

“Non appena i dati lo consentiranno, auspicabilmente subito dopo Pasqua, insieme al ministro Bianchi
dovremo avviare una rapida riflessione sull’opportunità di riaprire le scuole. Quantomeno quelle dell’infanzia, le primarie e le secondarie  di primo grado: gli studenti di queste fasce di età stanno pagando un  prezzo altissimo sotto il profilo della deprivazione culturale e umana”.

“La discontinuità con le fallimentari politiche del passato, che hanno costretto il ministero della Salute a stabilire la necessità indifferibile di tornare alla didattica a distanza, deve essere segnata in modo netto. Vanno immediatamente messe a disposizione risorse per diminuire il rischio di contagio nelle nostre scuole: il Covid non si combatte con gli annunci o i banchi nuovi, ma con i vaccini, il tracciamento di tutti i soggetti che fanno parte del mondoscolastico, la realizzazione di impianti di aerazione e sanificazione degli edifici. Senza dimenticare – conclude Sasso – il tema fondamentale della riduzione del numero di studenti per classe, funzionale anche al miglioramento della qualità dell’offerta didattica. Queste sono le proposte che, come Lega, mettiamo a disposizione del Governo”.

Stampa

Graduatorie terza fascia ATA: incrementa il punteggio con le offerte Mnemosine, Ente accreditato Miur