Sasso contro il CTS: “Nessuno si è mai sognato di dire che tamponi salivari sostituiscano il vaccino, ma serve controllo su larga scala”

Stampa

“Risulta davvero inspiegabile la veemenza con cui autorevoli esponenti del Comitato tecnico scientifico quotidianamente chiudono a qualsiasi ipotesi di impiego su larga scala dei tamponi salivari. Uno strumento di cui è stata certificata l’attendibilità, altrimenti l’Istituto superiore di sanità non li avrebbe validati lo scorso maggio, ma che di fatto è stato relegato in un limbo. Utilizzando, tra l’altro, una narrazione maliziosa e fuorviante, quella secondo cui chi appoggia l’uso dei tamponi salivari è contro i vaccini”.

Lo dichiara Rossano Sassosottosegretario del ministero dell’Istruzione.

“Nessuno si è mai sognato di dire che il monitoraggio e il tracciamento possano sostituire l’immunizzazione. La campagna vaccinale è fondamentale per mettere in sicurezza il Paese ed evitare che ospedali e cimiteri tornino a riempirsi. A questa, però, si può benissimo accompagnare un’operazione massiccia di controllo attraverso i tamponi salivari in quei contesti, su tutti la scuola, in cui risulta fondamentale scovare gli asintomatici. Per i bambini di età inferiore ai 12 anni non esiste un vaccino validato, quindi perché non dare più serenità a loro e alle loro famiglie utilizzando uno strumento non invasivo e che fornisce un risultato in tempi rapidi? Possibile – conclude Sasso  che in Lombardia, in Veneto e nelle Marche, regioni che hanno deciso di utilizzare su larga scala i tamponi salivari, siano tutti impazziti?”.

Covid, Abrignani: “Il tampone salivare non è meglio del vaccino”

Stampa

Didattica inclusiva attraverso alcune figure del mito greco. Corso online riconosciuto dal Ministero dell’istruzione