Sardegna, più mezzi e corse per il trasporto scolastico

Stampa

“Andare a scuola – denunciano gli studenti sardi – è diventata una roulette russa che mette a rischio la nostra salute”.

E’ pronto il piano B delle aziende di trasporto, con l’incremento di mezzi e corse al servizio delle scuole. L’Arst ha individuato alcune direttrici sulle quali agire inserendo il secondo autobus negli stessi orari: è il caso di Iglesias, nel Sulcis, Senorbì, nel Sud Sardegna, e nelle province di Oristano e Sassari.

“Sono circa 30 le corse che possono partire da subito, alcune già questo fine settimana, su circa un centinaio individuate – spiega all’ANSA il direttore dell’Arst Carlo Poledrini – l’obiettivo è cercare di evitare quelle situazioni nelle quali i viaggiatori stanno in piedi e che danno la percezione di sovraffollamento. Dalle nostre verifiche, anche attraverso l’uso delle telecamere di bordo, ci risulta che il paramento dell’80% della capienza massima viene sostanzialmente rispettato”.

Implementazione dei servizi anche nell’area metropolitana di Cagliari con il Ctm. L’azienda, dopo un confronto con il sindaco Paolo Truzzu e i presidi, ha deciso di inserire dei “supplementi” nelle corse dedicate a cinque istituti: Liceo Peretti, Liceo di Quartu, Agrario, Alberghiero e Scano di Monserrato.

Stampa

Black Friday Eurosofia, un’ampia e varia scelta di corsi d’aggiornamento pratici e di qualità con sconti imperdibili