Salvini: “Troppi stranieri in classe, necessario un tetto limite, massimo il 20%. Altrimenti è un caos”

WhatsApp
Telegram

“Io penso che ci debba essere un tetto per gli stranieri nelle classi italiane, direi un 20%. Altrimenti è un caos di lingue in quella classe, penso anche all’insegnante, invece così può essere stimolante”. Lo dice Matteo Salvini, leader della Lega, ospite di ‘Porta a Porta’, in onda oggi su Rai 1.

Il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti tocca una serie di temi. Capitolo codice della strada: è previsto “il ritiro della patente per chi abbandona gli animali, è una questione di civiltà. Crei anche dei pericoli, e a volte cani e gatti sono migliori degli umani”, dice.

Salvini, a “Porta a Porta” su Rai 1, tocca anche il tema del Ramadan a scuola: “È giusto spiegare ai bambini di ogni etnia o religione quanto è bello conoscerci, però siamo in Italia. Occorre la reciprocità, non credo che in nessun Paese islamico chiudano per la Santa Pasqua o per il Santo Natale“.

E ancora: “Finché l’Islam non si darà una struttura e non riconoscerà la parità tra uomo e donna chiudere la scuola mi sembra un pessimo segnale. È un segnale di cedimento e arretramento chiudere per il Ramadan“.

A Cinque minuti, sempre ospite di Bruno Vespa, Salvini parla di elezioni europee: “Popolari, conservatori e sovranisti vorrei facessero la nuova commissione. Ma colei che ha creato i problemi, la von der Leyen, non può essere chi li risolve. Potrà essere la prima volta nella storia in cui si potrà avere un governo in Ue senza sinistra e senza guerrafondai”. Il generale Roberto Vannacci si candiderà con la Lega? “Vannacci è stato linciato perché ha scritto un libro, noi pensiamo a una Europa dove c’è libertà di pensiero, mi piacerebbe che lui facesse parte della squadra della Lega”.

WhatsApp
Telegram

Percorsi abilitanti riapertura straordinaria 60 cfu. Scadenza adesioni 24 giugno. Contatta Eurosofia