Salvini: sì a quota 100 nonostante bocciatura UE sia dovuta a riforma pensioni

di redazione
ipsef

item-thumbnail

“Noi siamo qua per migliorare la vita degli italiani, mi sembra un attacco pregiudiziale, la contestazione principale è che non bisogna toccare la legge Fornero che è nel programma del 90% dei partiti tranne che del Pd: è un attacco all’economia italiana perché qualcuno vuole comprare le nostre aziende sottocosto”

Riforma pensioni

Sono queste, come riferite dall’ANSA, le parole del Vicepremier Salvini a commento della bocciatura da parte dell’UE delle manovra di bilancio.

La riforma delle pensioni, dunque, è considerata la principale responsabile della bocciatura della Manovra da parte dell’UE. Il Governo, non intende arretrare di un millimetro, almeno secondo le parole di Salvini.

Quota 100

La riforma della Fornero prevederà la cosiddetta quota 100, grazie alla quale si potrà andare in pensione con i seguenti requisiti:

  • 38 anni di contributi
  • 62 anni di età.

Abbiamo già pubblicato quanto scritto nel DEF in tema di pensioni

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione