Salvini: “Azzolina non ci ha coinvolto. Subito stabilizzazione dei docenti precari, specie quelli di sostegno e areazione delle classi”

Stampa

Matteo Salvini attacca Lucia Azzolina e prova a mettere in primo piano le priorità per la scuola: stabilizzazione dei docenti precari, in primis quelli di sostegno, distribuzione ragionevole nelle classi degli alunni e introdurre sistemi di areazione per le classi

Che tra Matteo Salvini e Lucia Azzolina non corresse buon sangue si sapeva già dalle prime settimane di insediamento della Ministra a Viale Trastevere. Adesso, a fine anno, dopo botta e risposta continui, il leader della Lega rimarca gli errori, a suo modo di vedere, che la “rivale” avrebbe commesso in quest’anno di dicastero. Ed elenca il “piano scuola“, ovvero le priorità su cui punterebbe la sua forza politica in caso di balzo verso il Governo.

Nel corso di una lunga intervista su Il Corriere della Sera, Salvini punta subito il dito contro la Ministra: “il ministro Azzolina non ci ha mai coinvolto e il rientro in aula il 7 gennaio è a rischio“.

Le parole di Salvini sembrano, ovviamente, ricalcare quelle già spese dai “fedelissimi” che il leader del Carroccio può vantare alla Camera e al Senato: il deputato Rossano Sasso e il senatore Mario Pittoni, responsabile quest’ultimo del settore scuola della Lega.

Salvini, pertanto, avanza tre proposte per la scuola: “stabilizzazione degli insegnanti precari (a partire dai circa 50 mila che si occupano dei ragazzi disabili); rafforzamento del trasporto pubblico anche coinvolgendo i privati; ragionevole distribuzione degli studenti nelle classi e aerazione degli ambienti“.

Tutte osservazioni“, conclude Salvini, che stiamo avanzando da mesi“.

 

Stampa

Dattilografia + ECDL: 1,60 punti per il personale ATA a soli 160€!