Salviamo la titolarità nelle C.O.E. in cui la scuola di completamento è un corso serale. Lettera

Stampa

Alfredo Licordari – In questi giorni alcuni docenti, tra cui il sottoscritto, sono diventati soprannumerari all’improvviso.

Questo è avvenuto perché, secondo il Responsabile di Settore dell’A.T.P. di Reggio Calabria, una circolare interna del M.I.U.R. obbliga gli Uffici Scolastici periferici a dare la titolarità alle scuole serali in presenza di Cattedre Orario Esterne, C.O.E. (es. 10 ore al diurno con docente titolare e 9 ore al serale senza docente titolare, la titolarità è stata spostata al serale, ecc.).
Questa preferenza di titolarità ai corsi serali nelle C.O.E. ha determinato, in molti casi, da una parte la creazione di nuovi posti
disponibili per la mobilità, dall’altra ha mandato in soprannumero i docenti titolari nei corsi diurni. Modificare o ritirare la suddetta circolare garantirebbe coerenza, logicità, correttezza e uniformità di trattamento all’azione amministrativa, considerato che con la circolare sugli organici si danno indicazioni volte a ridurre il più possibile eventuali perdenti posto. Inoltre la formazione delle C.O.E. ha proprio come finalità quella di diminuire e non di aumentare i docenti soprannumerari, a tal fine il M.I.U.R. ha concesso la possibilità di C.O.E. anche tra ambiti diversi. Dovrebbe essere una cosa normale, dove è possibile, confermare la titolarità delle C.O.E. nella scuola in cui c’è già il docente, indipendentemente se corso diurno o serale, così come prevede la normativa vigente.
Alfredo Licordari RSU dell’I.I.S. “EUCLIDE” di Bova Marina (RC)

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur