Salviamo la A051 e il Latino nella scuola

di Lalla
ipsef

Alessandro Crocco – In questi ultimi due anni, la situazione per gli insegnanti della A051 si è fatta sempre più difficile. Una classe di concorso, una volta relativamente grande e con un folto numero di abilitati tra docenti di ruolo e supplenti, è stata ridotta drasticamente. Soltanto nell’a.s. 2010/2011 vi sono stati ben 437 esuberi provinciali, che paragonati agli 82 della A052 e 80 della A050, rendono bene l’idea di un taglio che assume proporzioni disastrose.

Alessandro Crocco – In questi ultimi due anni, la situazione per gli insegnanti della A051 si è fatta sempre più difficile. Una classe di concorso, una volta relativamente grande e con un folto numero di abilitati tra docenti di ruolo e supplenti, è stata ridotta drasticamente. Soltanto nell’a.s. 2010/2011 vi sono stati ben 437 esuberi provinciali, che paragonati agli 82 della A052 e 80 della A050, rendono bene l’idea di un taglio che assume proporzioni disastrose.

Le principali cause sono state la diminuizione delle ore di Latino nei Licei e la compresenza della A050 nelle cattedre d’Italiano. Attraverso questo scempio, possiamo inoltre notare il degrado che sta subendo l’insegnamento delle discipline classiche nella scuola pubblica. Un insegnamento che in altri Paesi, come la Germania, è ben più valorizzato.

Perché non in Italia? Perchè non nella terra da dove la letteratura, la scienza, la filosofia greca e latina sono stati diffusi in tutto il Mediterraneo, per poi trasformarsi nelle fondamenta su cui è stata costruita tutta la civiltà Occidentale? In qualità di insegnanti di Italiano e Latino, e soprattutto in qualità di appassionati cultori delle nostre materie, consapevoli dell’alto valore formativo che esse hanno per la crescita culturale dei nostri studenti del Liceo, chiediamo:

1) di lasciare alla A051 l’insegnamento esclusivo nei nuovi indirizzi liceali della Riforma, i 437 esuberi dimostrano come essa stia rischiando di diventare pericolosamente marginale;

2) di volere tutelare la presenza della A051 nel triennio del Liceo Classico nelle cattedre di Italiano e Latino, dato che come docenti possediamo titoli e competenze;

3) di non voler scatenare una guerra con le altre classi di concorso dello stesso ambito disciplinare, infatti chiediamo di tutelare gli attuali titolari delle cattedre d’Italiano atipiche (A052 e A050) con il meccanismo dell’esaurimento;

4) di valorizzare l’insegnamento della lingua e della cultura latina nei Licei;

5) infine denunciamo le affermazioni del ministro Gelmini quando dichiarò che all’interno dei nuovi ordinamenti liceali ci sarebbe stato “più spazio al latino”.

Noi vogliamo evitare che la A051, e con essa i suoi insegnanti, diventino nella scuola soltanto pulvis et umbra!

Firmato

Gruppo Facebook “Sosteniamo la A051 nei Licei”

Versione stampabile
anief anief
soloformazione