Salone del Libro, nelle scuole della Toscana 15 minuti di lettura libera e silenziosa: “I libri sono il modo migliore per stimolare la crescita”

WhatsApp
Telegram

Al Salone del libro di Torino, nello stand della Toscana, il presidente e il vicepresidente del Consiglio regionale, Antonio Mazzeo e Stefano Scaramelli, e la presidente della Commissione Cultura dell’Assemblea legislativa Cristina Giachi, hanno presentato il testo di legge che il parlamento toscano ha approvato all’unanimità e che prevede di introdurre un tempo di 15/20 minuti di lettura, libera, individuale e silenziosa.

Il presidente e il vicepresidente del Consiglio regionale Antonio Mazzeo e Stefano Scaramelli e la presidente della Commissione Cultura Cristina Giachi: “La lettura di testi a scelta degli studenti è il modo migliore per stimolare crescita, interesse, curiosità e capacità di comprensione di una società matura e attenta al futuro”.

E ancora: “Con la lettura ci si abitua a guardare il mondo con cento occhi, anziché con due soli, e a sentire nella propria testa cento pensieri diversi, anziché uno solo. Si diventa consapevoli di se stessi e degli altri. Gli uomini senza la lettura non conoscono che una piccolissima parte delle cose che potrebbero conoscere”

Lo scrittore Sebastiano Vassalli definiva così la lettura ed è un po’ il senso del progetto che la Toscana sta portando avanti con la proposta di legge al parlamento ‘Leggere liberi: dare alle ragazze e ragazzi delle scuole di primo e secondo ciclo di istruzione la libertà di scegliere un testo e leggerlo in classe.

“Leggere liberi è un progetto culturale, semplice ma di grande portata” ha spiegato la presidente Cristina Giachi. “È una legge a costo zero che abbiamo voluto rivolgere al Parlamento italiano perché crediamo che nelle scuole di tutto il Paese ci si debba cimentare con questo incentivo alla lettura, senza distinzioni di territori. In una prospettiva di opportunità e di comprensione del mondo che la lettura può innescare per le nuove generazioni, alzando uno steccato efficace nei confronti dell’analfabetismo funzionale”.

WhatsApp
Telegram

Abilitazione all’insegnamento 30 CFU. Corsi Abilitanti online attivi! Università Dante Alighieri