Il SAESE chiede al TAR del Lazio l’inserimento negli elenchi per il sostegno per i docenti senza titolo di specializzazione

WhatsApp
Telegram

SAESE – Un docente in possesso di maturità tecnico-commerciale e inserito nelle  Graduatorie di istituto in III fascia è riuscito ad ottenere il  riconoscimento del valore abilitante all’insegnamento per le classi  di concorso A075/A076 e per l’area disciplinare relativa ai posti di  sostegno in AD03.

SAESE – Un docente in possesso di maturità tecnico-commerciale e inserito nelle  Graduatorie di istituto in III fascia è riuscito ad ottenere il  riconoscimento del valore abilitante all’insegnamento per le classi  di concorso A075/A076 e per l’area disciplinare relativa ai posti di  sostegno in AD03.

In relazione al parere dell’Unione Europea (Direzione Generale dei Mercato Interno e dei Servizi) con nota del 10/12/2013, si è dimostrato  che il diploma e il titolo di laurea conseguito nel territorio italiano  hanno valore abilitante per l’insegnamento nelle classi di concorso di  competenza e per lo svolgimento delle attività di sostegno.

Graduatorie di istituto: richiesta inserimento posti sostegno

Gli aspiranti candidati alla presentazione della domanda per  l’inserimento o aggiornamento delle Graduatorie di istituto in II o III  fascia in possesso di un titolo abilitante all’insegnamento, hanno la  possibilità di inviare richiesta di inserimento negli elenchi finalizzati alle nomine per lo svolgimento di attività di sostegno. Per  presentare domanda di inserimento negli elenchi di sostegno è necessario  inviare un modulo apposito.

Sostegno: valore abilitante diploma

È stata un’iniziativa pilota Saese a far riconoscere il valore  abilitante del diploma di maturità tecnico-commerciale conseguito nel  1997 sul territorio nazionale, per le classi di concorso A075/A076 e la  partecipazione ai posto di sostegno su classe AD03. In base al parere dell’UE e alla Direttiva Comunitaria 2005/36/CE, il diploma in oggetto è  considerato un titolo abilitante all’insegnamento e allo svolgimento  delle attività didattiche di sostegno. L’Unione Europea chiarisce che i titoli culturali, dal punto di vista  del Diritto Comunitario, sono qualifiche complete e conformi alla  Direttiva Comunitaria 2005/36/CE in esame, mettendo in luce la  possibilità per tutti gli aspiranti candidati all’inclusione o  all’aggiornamento delle Graduatorie di istituto in II o III fascia di  far impugnare ai suoi tesserati il D.M. 353/14 al TAR del Lazio per  chiedere il loro inserimento con la “R” negli elenchi per il sostegno  pur non essendo in possesso del titolo di specializzazione. Inoltre si  chiederà per i ricorrenti al TAR del Lazio, anche una sentenza breve  visto riscontro che si è ottenuto dall’Ue.

 

WhatsApp
Telegram

Preparazione concorsi scuola: news webinar Infanzia e Primaria! Prepara anche Secondaria e DSGA