SAB ricorre all’accesso civico per avere massima trasparenza da parte dell’ATP di Cosenza in materia di organici delle scuole della provincia e posizioni economiche del personale ATA

WhatsApp
Telegram

Il decreto legislativo n. 33 del 14/3/2013, come modificato dal d. lgs n. 97/2016, meglio conosciuto come “Decreto Trasparenza” ha introdotto la nozione di “Accesso Civico”, con la quale si definisce il diritto offerto a chiunque di chiedere ed ottenere informazioni che dovrebbero essere pubblicate sul sito internet delle P.A. .

Questa forma di accesso è gratuita, non è soggetta a limitazioni di tipo soggettivo, non dev’essere motivata e va presentata al responsabile della trasparenza; la richiesta dev’essere soddisfatta entro 30 gg, anche tramite pubblicazione sul sito internet.

L’accesso civico si differenzia notevolmente dal diritto d’accesso finora previsto dalla legge n. 241/90, sia per l’oggetto sia per le modalità e si può esercitare solo nei confronti degli atti la cui pubblicazione sia obbligatoria; obbligatorietà che viene richiamata, per ampi settori, nella seconda parte del predetto decreto.

A differenza del diritto d’accesso ordinario che è sottoposto alla necessità di presentazione di una domanda motivata che si basi su un interesse qualificato, diretto, concreto, attuale e al pagamento dei diritti di ricerca e riproduzione, il diritto di accesso civico non è sottoposto a nessuna limitazione ed è completamente gratuito.

L’art. 5 del citato decreto prevede:
1) L’obbligo delle pubbliche amministrazioni di pubblicare documenti, informazioni o dati, comporta il diritto di chiunque di richiedere i medesimi, nei casi in cui sia stata omessa la loro pubblicazione;
2) La richiesta non è sottoposta ad alcuna limitazione e non dev’essere motivata e va presentata al responsabile della trasparenza dell’amministrazione obbligata alla pubblicazione che si pronuncia sulla stessa;
3) L’amministrazione, entro 30 gg, procede alla pubblicazione nel sito dei documenti, dell’informazione o dei dati richiesti con trasmissione contestuale al richiedente, ovvero comunica al medesimo l’avvenuta pubblicazione, indicando il collegamento ipertestuale a quanto richiesto;
4) In caso di ritardo o mancata risposta si può ricorrere al titolare del potere sostitutivo di cui all’art. 2, comma 9 bis della legge 241/90 e successive modifiche che verifica la sussistenza dell’obbligo di pubblicazione.
Il sindacato SAB, tramite il segretario generale prof. Francesco Sola, si è visto costretto a ricorrere all’accesso civico contro l’ATP di Cosenza dopo aver verificato che i seguenti documenti e/o atti da pubblicare sul sito dell’ATP, non sono mai stati pubblicati:
1) Organico di diritto adeguato alla situazione di fatto scuole medie a.s. 2016/17 delle scuole della provincia di Cosenza;
2) Ore residue riferite all’organico del punto 1);
3) Organico CPIA ex CTP riferito al punto 1);
4) Elenco eventuali classi autorizzate, manualmente, non presenti nell’organico di cui al punto 1);
5) Organico di diritto adeguato alla situazione di fatto scuole secondarie 2^ grado a.s. 2016/17 delle scuole della provincia di Cosenza;
6) Ore residue, comprese quelle sperimentali, riferite all’organico di cui al punto 5);
7) Classi e/o ore autorizzate e non presenti nell’organico di cui al punto 5);
8) Variazioni posti di potenziamento sull’organico adeguato alla situazione di fatto scuole medie e superiori.

Alla luce di quanto sopra il SAB resta in attesa della pubblicazione di quanto richiesto per ripristinare la massima trasparenza nell’ATP di Cosenza in materia di organici, posti e beneficiari della 2^ posizione economica del personale ATA, prima di ricorrere al titolare del potere sostitutivo per l’accesso civico.

F.to Prof. Francesco Sola
Segretario Generale SAB

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur