Rusconi (Pd): “Il 5 in condotta dato in massa dimostra incapacità di gestire classi”

di Lalla
ipsef

Ufficio Stampa Gruppo Pd – Dichiarazione del senatore del Pd Antonio Rusconi, capogruppo in Commissione Istruzione

Ufficio Stampa Gruppo Pd – Dichiarazione del senatore del Pd Antonio Rusconi, capogruppo in Commissione Istruzione

"Bene fa la Gelmini a discutere del voto in condotta così evita di parlare dei tagli di risorse ma anche della pessima figura che la nostra scuola sta facendo davanti all’Europa, dove l’Italia è sorpassata da tutti per numero di diplomati mentre noi, in contraddizione con Lisbona, introduciamo la possibilità di mandare i ragazzini a lavorare a 15 anni, record unico nell’Europa occidentale."

Lo dichiara il capogruppo del Pd in Commissione Istruzione, Antonio Rusconi che aggiunge: "Siamo per un comportamento serio a scuola, ma il cinque in condotta dato in massa a tutta la classe, a volte, rappresenta solo l’incapacità di gestire classi troppo numerose".

"Perché – domanda Rusconi – la Gelmini non ci parla di quanto è cresciuto in questi due anni, ad esempio, il livello degli alunni italiani in matematica nelle classifiche europee? Oppure, perché non riporta in Parlamento il tema del premio per gli insegnanti migliori? Un altro argomento, questo, che lo stesso Ministro ha gettato nel cestino."

Il comunicato del Ministero

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione