Ruoli e supplenze da GPS, ancora nessuna domanda su Istanze online. Si attende risposta Ministero a richieste sindacati

Stampa

Immissioni in ruolo da GPS e supplenze da prima e seconda fascia con scadenza al 31 agosto e 30 giugno: la domanda non è ancora presente nell’area riservata di Istanze online. Le date di compilazione del form – dal 2 al 12 agosto – erano state comunicate dai sindacati ma finora non c’è stato nessun avviso ufficiale da parte del Ministero e degli Uffici Scolastici di riferimento.

In ogni caso consigliamo di consultare con costanza gli avvisi degli Uffici Scolastici nonché il sito del Ministero e istanze online.

Piattaforma pronta ma sindacati chiedono procedure differenti per ruolo e GPS

La piattaforma, presentata venerdì scorso, non ha convinto i  sindacati, alcuni dei quali l’hanno giudicata “troppo farraginosa”. Si tratterebbe infatti di un’unica procedura destinata a richiedere l’assunzione a tempo indeterminato da prima fascia GPS ed eventuali elenchi aggiuntivi e le supplenze da prima e seconda fascia GPS.

Un “intreccio” che potrebbe creare confusione.

La data prospettata ai sindacati ci è sembrata anacronistica alla luce di alcune considerazioni

  • il Ministero non ha ancora pubblicato il decreto che disciplina le assunzioni da GPS, del quale conosciamo solo la bozza
  • il Ministero non ha ancora pubblicato l’annuale circolare sulle supplenze, che ne disciplina le modalità di attribuzione
  • non si conoscono le disponibilità residue dalla precedente fase di immissioni in ruolo, tanti Uffici Scolastici non hanno ancora determinato l’organico di fatto
  • pochissimi uffici scolastici hanno pubblicato le GPS valide per l’anno scolastico 2021/22 alla luce di migliaia di decreti di rettifica punteggio, che determinano posizioni diverse rispetto agli elenchi noti finora
  • nessun ufficio Scolastico ha ancora pubblicato gli elenchi aggiuntivi alla prima fascia, anche perché il termine ultimo per comunicare l’avvenuto conseguimento del titolo era posto al 1° agosto

Alla luce di tali considerazioni i sindacati Flc Cgil, Snals, Gilda, Cisl, Uil hanno chiesto al Ministero dell’istruzione l’apertura di un confronto sul conferimento delle supplenze dei docenti per l’anno scolastico 2021/22. Le richieste dei sindacati riguardano in particolare la modalità di gestione delle fasi, la pubblicizzazione delle sedi disponibili e la circolare ministeriale delle supplenze.

Anche il sindacato Anief ha inviato al Ministero le proprie osservazioni  “Nel documento inviato al Ministero – spiega Marcello Pacifico – abbiamo evidenziato come, a nostro avviso, sia assolutamente illegittimo chiedere ai docenti inseriti in GaE e in GPS di dichiarare nuovamente e genericamente la loro disponibilità a partecipare alle supplenze addirittura ordinando sedi, classi di concorso e preferenze di tipologie di posto da accettare completamente “al buio” pena l’esclusione da tutte le procedure di reclutamento per le supplenze da quelle graduatorie. Questa dichiarazione “generica” è già stata resa dai candidati proprio attraverso la presentazione della domanda di inserimento nelle graduatorie utili alle supplenze e, laddove non ci siano le disponibilità già pubblicate al fine dell’effettiva scelta da parte del candidato per accettare la sede e l’incarico preferiti ed effettivamente disponibili, qualsiasi ulteriore richiesta di partecipazione preventiva non solo è inutile perché formalmente già resa, ma illegittima”.

L’Ordinanza Ministeriale n. 60/2020, infatti, come ha rilevato l’Anief nel documento inviato, proprio all’articolo 12, comma 1, prescrive che ““Al fine di garantire il regolare e ordinato inizio delle lezioni, le operazioni di conferimento delle supplenze annuali o delle supplenze temporanee sino al termine delle attività didattiche sono disposte annualmente assicurando preventivamente la pubblicizzazione nell’albo e nel sito web di ciascun ambito territoriale provinciale: a) del quadro complessivo delle disponibilità e delle relative sedi cui si riferiscono; b) del calendario delle convocazioni”. “Tale precisa previsione regolamentare disposta dall’O.M. n. 60/2020 – continua il presidente Anief – non appare superabile da parte dell’Amministrazione che dovrà, dunque, prima di procedere all’acquisizione di qualsiasi volontà dei candidati di partecipare e/o accettare supplenze annuali e sino al termine delle attività didattiche per l’a.s. 2021/2022 esprimendo la preferenza di sedi e classi di concorso, procedere alla preventiva pubblicizzazione del quadro complessivo delle disponibilità e aggiornarlo, anche, con le eventuali disponibilità sopraggiunte. Laddove tale prospettazione espressamente prevista dalla citata O.M. come procedura da porre in essere preventivamente da parte dell’Amministrazione non fosse rispettata, appare evidente che l’acquisizione di qualsiasi volontà anche solo a partecipare e/o accettare e/o rinunciare alla nomina da parte del candidato, sarebbe illegittima e in contrasto con la normativa vigente, per questo abbiamo chiesto al Ministero di sospendere tutta la procedura e convocarci per un corretto confronto”.

In giornata è attesa risposta da parte del Ministero dell’Istruzione che aveva previsto per oggi (alle ore 9 e sino al 12 agosto) l’avvio della procedura di compilazione delle domande sia per partecipare alle nomine “straordinarie” da GPS di I fascia in base all’art. 59, comma 4 del decreto “sostegni bis”, sia per partecipare, appunto “genericamente”, al reclutamento annuale a tempo determinato.

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur