Ruba 24.000 euro di rette della scuola comunale: condannata per peculato

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Una donna di 53 anni della provincia di Brescia ha patteggiato una condanna ad un anno e dieci mesi per peculato: aveva rubato 24mila euro di rette per la scuola del paese, destinati alle casse comunali.

La donna era la responsabile della bocciofila del paese, di proprietà pubblica, che aveva stipulato un accordo con il Comune: le rette potevano essere anche pagate in contanti proprio alla responsabile della bocciofila che poi avrebbe dovuto versarli nelle casse comunali.

La donna ha già restituito i 24mila euro che aveva indebitamente preso. In sede civile sarà stabilito il risarcimento danni nei confronti del Comune di Mairano, che si è costituito parte civile nel procedimento.

fonte

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
soloformazione