Rossi: “Insegnare è un compito d’amore. Se non crei legame con gli studenti loro non ti ascoltano in classe o spengono la telecamera in Dad” [VIDEO]

WhatsApp
Telegram

“Una cosa che la Dad ci ha mostrato è che per larghi aspetti bambini e ragazzi sanno accedere a questi strumenti digitali. Già prima lo sapevamo ma adesso lo abbiamo confermato. Ci sono bambini che purtroppo giocano su Fortnite facendo cooperative learning, senza saperlo. Si collegano uno sta a Zurigo, uno in Giappone e uno a Macerata. Cooperiamo in maniera costruttiva”.

Lo ha detto Stefano Rossi, psicopedagogista, nel corso della diretta del 4 maggio su Orizzonte Scuola Tv.

Assegniamo dei compiti creativi da svolgere in coppia, degli approfondimenti, che si possono fare anche a distanza. Se c’è un punto debole della didattica frontale è la quantità di nozioni. Tu ascolti ma non stai coltivando il pensiero critico. La didattica cooperativa è diversa, perchè c’è una didattica immersiva. Lavorando in coppia si imparano molte cose a livello sociale“, ha aggiunto l’esperto.

E ancora: “La Dad ha un po’ svelato quelli che sono i fondamenti essenziali per una buona lezione. Il fondamento più importante è l’empatia, come legame. Se tra me e gli studenti che ho in classe, c’è un legame d’amore, in senso pedagogico, un legame di fiducia, se mi riconoscono come un porto sicuro è lì che ti accendono la telecamera. Se invece consideriamo i nostri bambini e ragazzi come delle teste da riempire è chiaro che tutto è diverso”.

Il grande insegnamento che dolorosamente ha dato la Dad a tutti, prosegue Stefano Rossi, è che insegnare è un compito d’amore e che il legame d’amore fonda e precede l’insegnamento. Puoi essere il migliore insegnante del pianeta ma se non hai creato un legame d’amore con i ragazzi, loro spengono la telecamera. Quindi, il lavoro di insegnante non è per tutti. Questo lo dobbiamo poi trasportare in classe“.

RIVEDI LA DIRETTA

WhatsApp
Telegram

TFA sostegno VII ciclo. Solo poche settimane per prepararti. Non perderti gli incontri interattivi di Eurosofia