Rossi: “I genitori non dicono un No ai figli e a scuola diventano difficili. Gli insegnanti hanno perso autorevolezza e considerati dagli alunni loro pari” [VIDEO]

WhatsApp
Telegram

“Noi oggi ci ritroviamo in una società dove non c’è verticalità. Oggi insegnare è difficile perchè c’è l’evaporazione della pedana. Era un simbolo di autorità e di autorevolezza. L’insegnante una volta veniva ascoltato solo per il fatto di stare sopra la pedana. Oggi la condizione dell’insegnante è la condizione della nudità. Senza la pedana l’insegnante si ritrova in basso, alla pari con gli studenti”.

Lo ha detto Stefano Rossi, psicopedagogista intervenuto ad Orizzonte Scuola TV, nel live: “Classi difficili: come può aiutarci l’educazione emotiva?

Bambini e ragazzi, quindi, non considerano più l’insegnante una figura di autorevolezza. Lo considerano un pari. E di fronte ad un pari la reazione può essere quelle dell’ascolto ma può esserci anche la provocazione, dell’oppositività e della mancanza di rispetto. Adesso c’è orizzontalità e questo cambia tutto“, spiega l’esperto.

Quindi, “oggi l’insegnante deve creare fiducia e autorevolezza in contesti difficili“, prosegue Rossi perchè “oggi i genitori sono in crisi. I docenti ereditano infatti la pedagogia della felicità. I genitori nella nebbia, priva di valori, non sanno come educare i figli. Quindi si va a rompere l’equilibrio fra libertà e responsabilità”.

E ancora: “Quando un genitore deve dire un No sente di venir meno a quel patto di vita felice di soli Si che ha fatto con il figlio. Per cui, quando arriva in classe il ragazzo e quando l’insegnante dice no, lo studente esplode.  Ma giusti No sono un atto di amore. Senza no la parte emozionale è sregolata“.

Oggi il lavoro dell’insegnante è difficile“, continua Stefano Rossi.

Ecco perchè allora bisogna ripartire dalle emozioni secondo lo pscicopedagosta Rossi. L’educazione emotiva può dunque essere la chiave di volta per tornare autorevoli a scuola e soprattutto gestire le classi difficili.

RIVEDI LO SPECIALE SULLE CLASSI DIFFICILI

“Quando le serie Tv entrano in classe: il caso Squid Game”. Rivedo lo speciale con lo psicopedagogista Stefano Rossi

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur