Rossi Doria. Serve unire scuola e lavoro dopo i 16 anni per combattere la dispersione

di Giulia Boffa
ipsef

GB – Marco Rossi Doria è intervenuto su RadioArticolo1 ed ha commentato l’azione 4 presente nel testo "Il lavoro decide il futuro", il documento uno del congresso Cgil con prima firmataria Susanna Camusso. Ce ne parla Rassegna.it.

L’azione 4 tratta delle politiche dell’istruzione, della formazione e ricerca, passando per il reclutamento dei precari.

GB – Marco Rossi Doria è intervenuto su RadioArticolo1 ed ha commentato l’azione 4 presente nel testo "Il lavoro decide il futuro", il documento uno del congresso Cgil con prima firmataria Susanna Camusso. Ce ne parla Rassegna.it.

L’azione 4 tratta delle politiche dell’istruzione, della formazione e ricerca, passando per il reclutamento dei precari.

Secondo Rossi Doria, bisogna vedere in maniera più articolata la prospettiva di formarsi fino a 18 anni.Serve combinare scuola e lavoro, attraverso la formazione professionale e in altre forme, soprattutto dopo i 16 anni.

Le competenze, secondo Doria, si possono accreditare anche in termini scolastici,si può avere la possibilità di tornare indietro e approfondire, riprendere gli studi anche in altre fasi della vita.

Rossi Doria ha poi annunciato che  il governo sta predisponendo le norme attuative contro la dispersione scolastica ed ha già disposto la riprogrammazione dei fondi europei del periodo 2014-2020.

Versione stampabile
anief
soloformazione