Rossi Doria. Bocciare in terza media sì, ma solo dopo un percorso condiviso tra docente e studente

di Giulia Boffa
ipsef

Red – Marco Rossi-Doria, sottosegretario all’Istruzione, università e ricerca nei governi Monti e Letta, ha scritto un articolo su Panorama sul "dramma" della bocciatura all’esame di terza media.

Red – Marco Rossi-Doria, sottosegretario all’Istruzione, università e ricerca nei governi Monti e Letta, ha scritto un articolo su Panorama sul "dramma" della bocciatura all’esame di terza media.

Rossi Doria sostiene che "alle volte può essere utile. E soprattutto in ogni caso servono misure dì accompagnamento e deve essere chiaro ai ragazzi il motivo per cui si decide di bocciare". In pratica la bocciatura non deve arrivare tra capo e collo, ma si deve fare il possibile per condividere un percorso in cui "è possibile verificare se stanno lavorando oppure no".

Per Rossi Doria è essenziale  stabilire un patto educativo. "Poi – aggiunge – siccome si parla di persone in crescita, questo patto va rimesso in carreggiata continuamente fra settembre e aprile. Soltanto dopo, e a queste condizioni, si può arrivare a una valutazione finale comprensibile e utile per il ragazzo".

Versione stampabile
anief
soloformazione