Rosignano: intera classe in quarantena per 48 ore, ma era un errore, il positivo era di un’altra scuola

Stampa

Un’intera classe di una scuola di Rosignano è stata messa in quarantena perché un alunno è risultato positivo, ma poi si è scoperto che si è trattato di un errore. La vicenda è stata riportata da Il Tirreno.

“Per 48 ore siamo stati lasciati allo sbando, senza avere alcuna informazione da nessuno e senza sapere se effettivamente i nostri figli fossero stati a contatto con soggetti positivi”, denunciano le famiglie.

“Lunedì mattina – spiegano i genitori – la dirigente e le maestre ci hanno avvisato che la classe non poteva entrare a scuola perché l’Asl aveva mandato una comunicazione sulla presenza di un bambino positivo nella classe dei nostri figli”.

“Martedì l’Asl ha chiamato la scuola chiedendo il nominativo del positivo. Chiaramente la scuola non aveva alcun nominativo di ragazzo positivo dato che questa comunicazione era arrivata il giorno prima dalla stessa Asl”.

Così l’Asl ha capito che si trattava di un’altra scuola. “La sera di martedì la dirigente ci ha comunicato che c’era stato un errore, e che l’alunno positivo era in un’altra classe di un’altra scuola”.

“È stata una situazione surreale. Evidentemente il sistema di tracciamento è sovraccarico e, proprio per questo, possono verificarsi tali problemi”, concludono i genitori.

Stampa

Come fare educazione civica Digitale: dagli ambienti digitali alle fake news, dal Sexting alla netiquette. Corso con iscrizione e fruizione gratuite